giovedì 18 Agosto 2022

Roccagorga, la Sindaca risponde al segretario Pd: “Accuse inaccettabili”

E’ durissima la risposta della Sindaca di Roccagorga, Nancy Piccaro, al comunicato del Partito Democratico che nei giorni scorsi ha voluto insinuare la ricerca di un “disperato aiuto da parte di qualche consigliere” perché “la maggioranza è in bilico”.
Tra i motivi principali di dissenso tra le parti è il consiglio comunale rinviato in cui si sarebbe dovuto votare il bilancio.

Non prendo lezioni da chi in termini di coerenza ha dimostrato negli anni di essere tutto e il contrario di tutto – inizia Nancy Piccaro – Lui – riferendosi a Francesco Scacchetti, segretario del Pd Locale –  uomo del Pd ha fatto opposizione al suo stesso partito per 5 anni in Consiglio Comunale. Si è fatto insultare in Consiglio, anche nella sfera personale, da esponenti del Pd locale, contro i quali ha portato avanti per anni una lotta intestina.

In quegli anni è stato lui che più e più volte ha cercato di farmi passare dalla sua parte quando io ero Assessore della Giunta Amici proponendomi di aderire al gruppo consiliare “Tocca alla Rocca” e ricevendo ogni volta il mio rifiuto, perché io ho scelto di rispettare il mandato elettorale dei miei concittadini che mi avevano votato in una determinata compagine.

Tranne poi, dopo 5 anni di opposizione feroce alla giunta Amici, l’attuale segretario del Pd Scacchetti decide di confluire in un’unica lista subito prima delle elezioni del 2019: un amore ritrovato da una folgorazione sulla via di Damasco o solo biechi interessi personali??

Ma capisco, si deve pur vivere e portare il pane  a casa. Io rispetto tutte le scelte e tutti gli individui, rispetto anche tutte le posizioni ma è assolutamente scorretto che il Segretario del Pd, pur di prendersi una rivincita personale nei miei confronti, voglia fare del male, deliberatamente, alla comunità di Roccagorga invocando dimissioni e commissariamento.

Perché mi dovrei dimettere? Perché non abbiamo prodotto altro debito pubblico, ma stiamo facendo un’opera, anche complessa, di risanamento dei debiti pregressi?

Roccagorga sta già realizzando progetti con i primi 800 mila euro arrivati per il Pnrr ed altre richieste abbiamo presentato che, se saranno accolte, porteranno fondi alla comunità permettendone la crescita e la ripartenza.

Ma questo, evidentemente a Scacchetti dà fastidio. Per questo si sbraccia a scrivere fandonie proprio quando ha sentore che consiglieri comunali, uomini e donne che hanno a cuore il bene della comunità possano agire solo in funzione di quell’obiettivo.

È vero, ci siamo sentiti con il segretario Scacchetti, ci può stare, lui mi ha consigliato di convocare i suoi consiglieri comunali, ma io non lo ho mai fatto perché ad una più attenta valutazione ho ritenuto più importante tenere fede all’impegno preso con gli elettori: se infatti avessero voluto in Consiglio Comunale gli esponenti del Pd, avrebbero votato loro nel 2019!

Abbassarsi a stimolare anche reazioni legate all’amor proprio dei consiglieri comunali pur di determinare fratture e provocare il tracollo nella nostra comunità è veramente riprovevole e, devo dire, anche inaspettato da parte sua.

Continui pure sulla strada volta a portare la distruzione di Roccagorga. La nostra comunità saprà valutare i percorsi e le scelte di ognuno di noi perché forse Scacchetti, offuscato dal raggiungimento del potere a tutti i costi, ha dimenticato che il Popolo è Sovrano”.

 

CORRELATI

spot_img
spot_img