domenica 17 Ottobre 2021

Riforma fiscale, calo Irpef al ceto medio

“In questi giorni proseguiamo le interlocuzioni, ma ci sono diversi punti sui quali non c’è ancora accordo”, così all’ANSA il vicepresidente della
commissione finanze della Camera Alberto Gusmeroli (Lega), a proposito dei lavori parlamentari sulla riforma fiscale.

Commentando gli esiti dell’ultima riunione tenutosi ieri in tarda sera fra le commissioni Finanze riunite di Camera e Senato Gusmeroli ha detto: “Il tempo stringe. Il Parlamento deve produrre entro mercoledì prossimo 30 giugno un documento, auspicabilmente unitario, sulla riforma. Dobbiamo cercare la quadra, ma ci sono dei punti dove le posizioni sono distanti”.

In particolare le commissioni non sono riuscite a raggiungere nemmeno una visione di massima sia sul regime forfettario che attualmente riguarda le partite Iva fino a 65.000 euro, sia sul riordino della tassazione patrimoniale (Imu, Successione, Immobili).

“Questi due punti – dice Gusmeroli – necessitano di un confronto politico. Escluso comunque che in mancanza di accordo parlamentare il Governo possa andare avanti con una sua proposta elaborata dai tecnici del Mef”. Draghi è stato chiaro: “Il Governo andrà avanti a condizione che ci sia
l’accordo politico e sulle parti sulle quali l’accordo politico c’è”.
E al momento l’unico punto, più rilevante, sul quale tutti sembrano essere d’accordo è la riduzione e rimodulazione delle aliquote marginali effettive Irpef sui redditi medi.

Vale a dire una riduzione delle tasse per coloro che hanno un reddito compreso tra 28 mila e 55 mila euro lordi. Misura che interesserà circa 7 milioni e mezzo di cittadini italiani, al momento sottoposti alla terza aliquota dell’Irpef (prelievo nominale del 38%).

Katiuscia Laneri
Giornalista pubblicista dal 1997. Conduttrice, scrittrice, videoreporter pluripremiata e pioniera dei new media. E' stata, tra le altre esperienze, fornitore di servizi per RAI TgR e corrispondente freelance per diverse testate e agenzie nazionali, anche da teatri di guerra quali Afghanistan, Libano e Kosovo. Esperta di economia turistica con la passione per le produzioni televisive.

CORRELATI

spot_img
spot_img