Si apre all’insegna della polemica la commissione regionale.

Sul tavolo il futuro delle discariche in provincia di Latina ed in particolar modo quella di Borgo Montello e quella ipotizzata ad Aprilia.

Peccato che alla riunione, nonostante la comunicazione inviata nei giorni scorsi, non si siano presentati nè il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, di cui era richiesta la presenza considerata la rilevanza del tema trattati, nè l’assessore regionale ai rifiuti Massimiliano Valeriani e il direttore Flaminia Tosini.

“Scappano dall’audizione sulle discariche a Borgo Montello e ad Aprilia in provincia di Latina? È un atteggiamento irrispettoso e vergognoso, come avvenuto in precedenza sulla Sep, nei confronti dei cittadini”.

Questo il commento del capogruppo della Lega in consiglio regionale del Lazio, Angelo Tripodi e dei consiglieri del Carroccio di Latina e di Aprilia Vincenzo Valletta e Roberto Boi, presenti ai lavori della X Commissione.

Immediata la replica del consigliere del Pd, Enrico Forte che ha sottolineato: “che il Governatore della Regione non era invitato e che l’assessore competente aveva già partecipato ad un incontro sul tema”.

Nel corso della riunione è emerso con chiarezza che il futuro della discarica di Latina sia già segnato.

“No ai rifiuti da Roma. Sono del parere che la provincia di Latina debba chiudere autonomamente il proprio ciclo dei rifiuti” ha spiegato il capogruppo di Forza italia, Giuseppe Simeone.

Il direttore generale dell’Arpa Lazio, Marco Lupo, ha detto a chiare note che quello di Montello non è più un sito idoneo a ricevere i rifiuti.

“E’ evidente – spiega il consigliere comunale della Lega a Latina, Valletta – che il nostro territorio sotto il profilo delle servitù abbia già pagato un prezzo altissimo. La discarica di Montello va chiusa, ha esaurito la sua funzione. Ora attendiamo che sia portato all’esame del consiglio regionale il nuovo piano dei rifiuti. In quell’occasione la Lega presenterà una serie di emendamenti finalizzati proprio alla tutela del territorio e della salute dei cittadini”.

Presente anche il sindaco di Latina, Damiano Coletta, che ha annunciato che entro il 27 novembre si terrà la nuova conferenza dei servizi sul progetto della ecoambiente di procedere all’ampliamento dell’invaso.

“Chiederò, inoltre, a fronte delle dichiarazioni del sindaco e in qualità di componente della commissione ambiente – conclude Valletta – che sia illustrato con chiarezza quanto emerso nella conferenza dei servizi del 28 ottobre nonchè nel corso della commissione ambiente che si è tenuta oggi in Regione”.

Resta ovviamente il nodo del nuovo piano rifiuti, atteso da dicembre 2013 e che, secondo quanto rierito dalla giunta regionale, dovrebbe arrivare in aula alla Pisana a dicembre.

Peccato che proprio in quel periodo sia di consuetudine affrontare il bilancio.

E il rischio che quello che rappresenta uno strumento fondamentale per i territori slitti al 2020.