sabato 26 Novembre 2022

Rapporto Mafie Lazio a Nettuno, Strati: “Si torni alla piena legalità”

A 24 ore dallo scioglimento per infiltrazioni mafiose dei comuni di Anzio e Nettuno si è tenuto presso la Sala Consiliare del Comune del Tridente la presentazione del VI e VII rapporto Mafie del Lazio a cura dell’Osservatorio Sicurezza e Legalità della Regione Lazio in collaborazione con la Direzione Distrettuale Antimafia. Alla presenza di ospiti di rilievo si è discusso della situazione in tutta la regione, dalle Mafie di Latina a quelle di Ardea e Pomezia.
Presenti il presidente dell’Osservatorio regionale Gianpiero Cioffredi, il presidente vicario della Regione Lazio Daniele Leodori, il Sostituto Procuratore della Direzione Nazionale Antimafia Maria Cristina Palaia e il Commissario Straordinario del Comune di Nettuno Bruno Strati che ha aperto l’incontro con i saluti istituzionali.
“Rivolgo un cordiale saluto a tutti Voi, ringrazio gli illustri Ospiti, il Presidente Leodori, la dottoressa Palaia, il Presidente Cioffredi per aver scelto la citta di Nettuno per presentare questi due Rapporti VI e VII sulle Mafie nel Lazio – dichiara il Commissario Strati – la vostra presenza qualificata ha per noi un grande significato. Oggi sono presenti la Regione Lazio che ha organizzato questo evento indice di una sensibilita sui temi della giustizia e della legalita, la Magistratura che con le Forze dell’Ordine svolge un ruolo fondamentale contro la criminalita, gli studiosi del fenomeno della criminalita che lo analizzano e ci forniscono le informazioni utili.
I rapporti delle precedenti edizioni, una delle quali presentata proprio in questo Comune nel 2019, gia dimostravano quanto lo stato di infiltrazione criminale fosse diventato penetrante nel tessuto sociale dei nostri territori. Il quadro che emerge nella presente edizione, pero, e ancora piu grave.
La criminalita non e rimasta dentro i “suoi” confini, ma si e estesa finendo per infiltrarsi nella stessa Pubblica Amministrazione. La decisione del Consiglio dei ministri di ieri sera di nominare una Commissione straordinaria per il Comune di Nettuno, gia sciolto in via ordinaria, e la dimostrazione che la criminalita organizzata e penetrata in questo contesto amministrativo.
Bisogna prenderne atto. Ora ci sara un periodo di 18 mesi di commissariamento che e una misura particolarmente rigorosa per la citta ma che dovra essere, io credo, un’opportunita per riaffermare la piena legalita amministrativa ed eliminare ogni forma di condizionamento e di infiltrazione.
Negli ultimi mesi, durante questo periodo di commissariamento ordinario, sono stati adottati una serie di provvedimenti che sono andati in questa direzione: sono stati intensificati i controlli per l’affidamento degli appalti pubblici e quelli antimafia anche per importi inferiori alle soglie previste; avvio di procedure per il rinnovo degli appalti sinora in regime di proroga, come ad esempio il servizio di tesoreria, l’intensificazione dei controlli sulla esecuzione dei contratti, l’adesione alla piattaforma regionale per l’espletamento delle procedure di gara, l’intensificazione dell’attivita di riscossione delle entrate tributarie ed extratributarie anche attraverso il coinvolgimento dell’Agenzia delle Entrate, l’avvio delle procedure di assunzione di personale, la rotazione degli incarichi. Queste misure sono soltanto l’avvio di un percorso che deve essere portato avanti.
Ma tutto questo pero non basta. Serve il coinvolgimento della cittadinanza, in tutte le sue forme, sia esse individuali che collettive, delle associazioni, dei comitati cosi come occorre la partecipazione attiva, vigile, degli organi di stampa.
E questo il momento in cui ognuno deve fare davvero la sua parte. La Magistratura e le Forze dell’ordine, il Governo hanno fatto la loro parte, ora sta a voi cittadini di Nettuno darvi da fare. Mi fermo qua e lascio queste mie considerazioni come spunti di riflessione. Nel ringraziare ancora Voi tutti, vi auguro un buon lavoro”.

CORRELATI

spot_img
spot_img