sabato 2 Marzo 2024
spot_img

Rapina alla sala slot di Latina: bottino da 50mila euro. Arrestata una guardia giurata

E’ stato arrestato con l’accusa di rapina aggravata dai carabinieri della Sezione Radiomobile del N.O.R. della Compagnia di Latina. Si tratta di un 30enne residente nel capoluogo accusato di essere il responsabile della rapina ai danni della Sala Slot Piccarello nella notte dello scorso 20 marzo.

Quella stessa sera infatti l’arrestato, una guardia giurata che prestava i suoi servizi, tra le altre, anche alla Sala Slot rapinata, dopo aver assistito alle operazioni di svuotamento delle cassette delle macchine del locale, si è “trasformato” da guardia in rapinatore per appropriarsi, minacciando con una pistola l’addetto alla sala, della somma di 50.000 euro circa.

La fuga, rocambolesca, è stata però fatale per il rapinatore: non è passato inosservato, infatti, ai militari dell’Arma il malfunzionamento di uno dei fanali posteriori dell’autovettura utilizzata dal giovane, che risultava avere lo stesso problema dell’autovettura della guardia giurata. Inoltre i militari della Sezione Radiomobile hanno subito notato come il rapinatore impugnasse l’arma con la mano sinistra: proprio l’esser mancino, come lo è la guardia giurata, è stato un ulteriore elemento a carico del giovane. Ma l’elemento principe dell’accusa è sicuramente il cellulare della guardia giurata, trovato, all’esito di un attento sopralluogo fatto dagli stessi militari, sulla via di fuga del rapinatore.

L’analisi delle telecamere di sorveglianza della sala slot e della videosorveglianza comunale hanno permesso infatti di confrontare i movimenti del rapinatore con quelli della guardia giurata che, durante tutti i controlli “in uniforme” ha sempre preso strade diverse da quelle del rapinatore, motivo per cui, dopo aver acquisito tutti questi elementi, il Giudice per le Indagini Preliminari non ha che potuto concordare sulle risultanze investigative dei militari dell’Arma e della Procura, emettendo l’odierna ordinanza di custodia in carcere. All’esito delle formalità di rito all’odierno arrestato è stata sequestrata l’arma utilizzata tanto per il lavoro quanto per la rapina della quale è accusato.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img