sabato 28 Gennaio 2023

Quell’amore che non passa, l’ex marito “vendicatore”

di Lidano Grassucci – Lui è l’ex marito, l’altro è il nuovo uomo. In mezzo lei, ma il primo questa volta non agisce in odio a lui che le ha sottratto amore, ma per amore “residuale”, “resistente”, “risorgente”, “rimanente” per lei. La cronaca è sui giornali locali, segnata e raccontata come si narrano le vicende dell’acqua che va al mare, del sole sorgente la mattina. ma qui è l’acqua che inverte il corso e torna al suo sorgere.

La unicità di questo fatto, già il fatto che è quel che accade, ma la narrazione è il suo diventare per sempre, sta nella smentita del luogo comune dei sentimenti a scadenza, della facilità di prendere o lasciare, nella indifferenza che rende inesistenti i ruoli in famiglie allargate che diventano sinonimo di nuclei “asentimentali”. Il nostro spara, colpisce il reo che non è reo di amare lo stesso amore, ma di offendere una amata di cui ancora, con il gesto, si richiama l’amare. Il nostro ha letto come offensivo quell’offendere ed ha colpito chi “non amava giusto”. Il mondo corre, ma spesso non “dimentica” quella cosa che è l’idea che si ama sempre in esclusiva, escludendo altro, prescindendo da altro. Questa lettura nulla toglie alla ferocia dell’accaduto, alla bruttezza del fatto, ma smentisce una società apassionale, autopica, dove tutto è il presente. Nel gesto dell’aggressore torna l’idea di un cavaliere che va a punire chi la Patria ha offeso anche se lui da quella Patria è stato cacciato. Quanti emigranti nel mondo quando il Risorgimento era passione si sono immolati per la Patria che li aveva “cacciati”, “negati”, “uccisi civilmente”.

Il nostro colpisce, ferisce, vendica. Lei è una dama di altri tempi contesa, su questa storia i cantastorie siciliani avrebbero fatto romanzo, canzone, racconto che i protagonisti erano paladini buoni, e mori cattivissimi. Perché nel racconto poi si confonde bene e male, ed il bene non ha ombre ed il male è nerissimo. E la vita è bella anche per questo, perché sorprende.

Lidano Grassucci
Direttore di LatinaQuotidiano fino ad Aprile 2018. Giornalista professionista, laureato in scienze politiche, è stato direttore de Il Territorio, Tele Etere, Economia Pontina, caposervizio presso Latina Oggi e autore di numerose pubblicazioni.

CORRELATI

spot_img
spot_img