punti di primo intervento
Alessio D'Amato

“Nessuna chiusura dei punti di primo intervento, ma un potenziamento dei servizi territoriali h24 e della rete Ares 118”.

E’ quanto ha rassicurato l’assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, al termine dell’atteso confronto di questo pomeriggio.

Un colloquio chiarificatore, che ha visto tutti impugnare le armi per vincere una battaglia a difesa della salute pubblica.

In primo luogo i sindaci dell’intera provincia e i rappresentanti delle amministrazioni comunali di Latina, Cisterna, Cori, Gaeta, Minturno, Priverno, Sabaudia e Sezze, i consiglieri regionali Enrico Forte, Salvatore La Penna e Loreto Marcelli, il direttore generale dell’Ares 118, Maria Paola Corradi, dell’Asl di Latina, Giorgio Casati.

“E’ stato demandato – ha detto D’Amato – di redigere l’atto amministrativo del piano, che verrà relazionato nella prossima conferenza dei sindaci, convocata da Coletta. All’azienda di emergenza sanitaria il compito di rafforzare la dotazione dei mezzi di soccorso nelle aree interessate. Verranno inoltre effettuati appositi sopralluoghi”.