La psicosi da contagio da Coronavirus continua ad imperversare.

La paura sta cominciando a far sentire i propri effetti negativi sull’economia nonchè nel contesto sociale a causa di fake news che identificano, erroneamente, il virus con la popolazione cinese.

Così per dare un segnale di distensione il sindaco di Latina, Damiano Coletta e il direttore generale della Asl di Latina, Giorgio Casati, insieme ai componenti della giunta comunale hanno deciso di pranzare in un ristorante cinese della città.

“A pranzo con Giorgio Casati, la giunta e il primario di malattie infettive Lichtner in un ristorante cinese della città. Non c’è nulla da temere – spiega con un tweet Coletta – evitare contatti con una intera comunità per paura del Coronavirus è frutto di uno sciocco pregiudizio“.

Negli ultimi giorni ad alzare la tensione c’era stato il sospetto caso di contagio di uno studente di Formia portato immediatamente allo Spallanzani.

Tutti i test a cui il 30enne è stato sottoposto sono risultati negativi.

Evitare allarmismi e psicosi collettive per una gestione efficace dell’emergenza Coronavirus.

Questo l’obiettivo delle istituzioni, a tutti i livelli.