martedì 21 Marzo 2023

Provincia, Statuto modificato come chiesto dai Sindaci. Si insediano Bartolomeo, Tontini e Taddeo

di Redazione – Si è riunito oggi il Consiglio Provinciale che doveva analizzare lo Statuto sulla base dei rilievi posti nella scorsa conferenza dei Sindaci del 19 maggio. Prima dell’Assemblea si sono insediati i consiglieri Sandro Bartolomeo, Fabio Tontini e Franco Taddeo che sostituiscono i terracinesi Di Tommaso, Avelli e Giuliani.

Tar i punti inseriti nel nuovo statuto c’è l’adesione alla Convenzione di Istanbul che impegna la provincia a contrastare la violenza contro le donne. Nello stesso documento è contenuto l’impegno al contrasto di ogni forma di bullismo nelle scuole, alla lotta contro la criminalità organizzata con il proposito di costituirsi parte civile nei processi che riguardano i cittadini residenti per i reati in questione e per i delitti di usura e estorsione. La Provincia sceglie anche di destinare a fini sociali i beni sequestrati alla criminalità organizzata. Per quanto riguarda i punti “tecnici” la Provincia persegue scopi di pari opportunità tra uomini e donne con l’istituzione della Consulta delle elette. Inoltre, la Conferenza dei Sindaci potrà esprimere un parere obbligatorio ma non vincolante sul bilancio di previsione. L’organo potrà fare richieste di integrazione di cui il Consiglio Comunale dovrà tenere conto.

Lo Statuto oggi ha ricevuto otto voti favorevoli, un astenuto (Franco Taddeo) e un contrario (Eduardo Accetta). “La bozza di Statuto è giunta in Conferenza dei sindaci che, come noto, la scorsa settimana ha voluto avanzare una serie di proposte, condivise all’unanimità e portate dinanzi al Consiglio che si è riunito nella seduta odierna – ha commentato la Presidente Eleonora Della Penna – Una serie di passaggi a cui si è giunti nell’ambito di un rapporto di rispetto reciproco e ampissima collaborazione, fin dalle prime fasi di elaborazione dello Statuto anche con i singoli consiglieri provinciali e ribadito anche con i primi cittadini del nostro territorio. La collaborazione con i sindaci è e resta per me e per questo ente un elemento essenziale della nostra attività politica e amministrativa e sono felice che l’ampissima maggioranza dei Consiglieri provinciali abbia deciso di proseguire su questa strada anche oggi”. Adesso lo Statuto sarà nuovamente rivisto dalla Conferenza dei Sindaci che torna a riunirsi domani.

CORRELATI

spot_img
spot_img