venerdì 2 Dicembre 2022

Costringe con l’inganno un’altra donna a prostituirsi: arrestata dai carabinieri a Sabaudia

Sono stati i carabinieri della Stazione di Sabaudia, al termine di articolata attività di indagine, a mettere agli arresti una sessantenne di Terracina accusata del reato di sfruttamento della prostituzione aggravato, in violazione della c.d. legge Merlin, minacce, dall’utilizzo dell’inganno e dallo stato di provocata minorazione psichica della vittima.

“Nello specifico – si legge in una nota del comando provinciale – le investigazioni hanno permesso di accertare come l’odierna arrestata, sfruttando la particolare vulnerabilità e fragilità della vittima, una donna di Sabaudia, a causa di una pendenza giudiziale relativa all’affidamento del figlio, ingenerando nella stessa la convinzione che avrebbe potuto fare da tramite per la positiva risoluzione della controversia legale, l’avrebbe costretta a prostituirsi, ponendola in assoluta soggezione e dipendenza dall’indagata, alla quale la vittima doveva consegnare tutto limporto guadagnato con lattività del meretricio, al punto da ridursi a vivere in miserrime condizioni, e dalla quale era controllata quotidianamente, sia per aver contezza delleffettiva attività della vittima, che del ricavo giornaliero. 

Qualora la donna non avesse consegnato quanto guadagnato, o non avesse lavorato continuativamente tutto il giorno, larrestata provvedeva subito a minacciare il mancato interessamento nel giudizio ed a porre in essere atti intimidatori, come quello subito dalla vittima nel gennaio del 2021, allorquando fecero esplodere un petardo all‘interno della cassetta postale della vittima, dal quale ha avuto inizio l’attività di indagine dei Carabinieri di Sabaudia”. 

L’arrestata è stata condotta presso la propria abitazione, agli arresti domiciliari, dove aspetterà di essere sottoposta a processo.

CORRELATI

spot_img
spot_img