domenica 4 Dicembre 2022

Priverno, Città Lepine 2018, appuntamenti per narrare un territorio

Grazie al progetto Città Lepine 2018, chi si è trovato lo scorso 3 agosto, nel Borgo di Fossanova a Priverno ha potuto fare un tuffo nel passato e provare ad immaginare quella che poteva essere la vita conventuale di altri tempi.

Dal Museo Medievale la guida ha accompagnato i presenti nel chiostro abbaziale e attraverso scampanii, gesta e suoni lignei ha raccontato la vita conventuale dell’abbazia dall’insediamento dei primi monaci benedettini prima e, dei cistercensi dopo.

L’osservanza de “La Regola” di San Benedetto rappresentava la quotidianità di entrambi gli ordini. La prima “Regola”, dell’osservanza e dell’amore per silenzio, è stata letta magistralmente da Titta Ceccano della compagnia Matutateatro che ha anche letto ed interpretato alcuni passi de “Il nome della Rosa” di Umberto Eco, che ha visitato l’abbazia di Fossanova che pare descrivere minuziosamente, lasciando pensare una collocazione per la descrizione dei luoghi al convento di Fossanova “…cibi conditi con olio di oliva dei monti vicino all’abbazia dal lato del mare…” è uno di quelli.

A fine visita, la stessa compagnia ha regalato ai presenti l’interpretazione di un brano tratto dal Mistero Buffo di Dario Fo il quale ha ribaltato, la prima volta che lo mise in scena nel 1969 all’Università Statale di Milano, un luogo comune invalicabile come lui stesso dichiarò: quello che in Italia non esiste solo la cultura e la poesia aristocratica ma che anche quella popolare che è autonoma e vitale.

Questi appuntamenti, che vanno ad integrare l’offerta classica di musei e area archeologica con attività culturali integrative che possono diventare consuetudine nel tempo, permettono a chi ne usufruisce di fare una visita a trecento-sessanta-gradi, in un contesto che va oltre la visita guidata di un museo o uno scavo.

Permettono una maggiore conoscenza delle ricchezze del territorio, integrandole con aspetti culturali a esse affini, sia per i cittadini che vivono questi luoghi rendendoli più consapevoli del loro valore e, con una giusta comunicazione, di intercettare cittadini e turisti delle località marine vicine. Non è raro infatti, nei giorni di pioggia d’estate, incontrare turisti con laccetti di costumi in vista, che approfittano del giorno piovoso per visitare il borgo medievale.

Progetto Citta Lepine 2018, prossimi appuntamenti

Domenica 19 agosto

AREA ARCHEOLOGICA PRIVERNUM: Festa grande a Mezzagosto come 2000 anni fa:  dalle ore 17.00 visite guidate e, per i bambini: archeologia per gioco.                                                                        Alle  19.00 fra i ruderi del teatro romano Performance teatrale “Antigone” a cura di Matutateatro.

Alle 21.00 tra i ruderi della Domus: Voci e canti del Mediterraneo, concerto a cura di Errare Persona

17 ottobre: Privernum, Piperno, Priverno. Storia di una città al Museo Archeologico, ore10.

Settembre-Ottobre: Biblioteca comunale di Priverno “Leggere la città- corso di formazione per insegnanti, bibliotecari e operatori culturali”

Il Progetto Città Lepine 2018, narrazioni e identità di un territorio è finanziato dalla Regione Lazio in collaborazione con il Sistema Territoriale dei Musei e delle Biblioteche dei Monti Lepini.

Per altre iniziative estive dei musei fuori dal progetto si rimanda al sito musarchpriverno@libero.it

Stefania Paoloni
Ragioniere-Programmatore. Formazione sociologica ad indirizzo economico. Dopo anni di precariato si è dedicata alla famiglia e oggi investe nel giornalismo digitale.

CORRELATI

spot_img
spot_img