Per i precari della sanità della Provincia di Latina arriva la svolta: la Regione Lazio ha pubblicato il bando per la stabilizzazione di 90 unità operanti nella Asl di Latina: si tratta di 22 medici, 67 infermieri e un tecnico. Le graduatorie saranno successivamente utilizzate per la stabilizzazione di tutti gli idonei. In questa prima fase saranno attivate le procedure per 22 medici. Nel dettaglio si tratta di due posti di Direzione medica di presidio ospedaliero, cinque posti per malattie metaboliche e diabetologia, due posti per oftalmologia, cinque di oncologia, due di ortopedia e traumatologia, uno di patologia clinica, due di psichiatria, uno di urologia e due di medicina d’urgenza.

È uno sforzo enorme mai fatto prima da parte della Regione Lazio – così in una nota la Regione -. Il percorso è stato ratificato con un accordo firmato da tutte le organizzazioni sindacali mediche e del comparto”.

“Si tratta del più grande intervento di stabilizzazione messo in campo dall’amministrazione regionale – commenta il consigliere regionale Enrico Forte – oggetto peraltro anche di un accordo siglato con tutte le rappresentanze sindacali del comparto sanitario, intervento  che fa seguito all’impegno assunto qualche mese fa e che ci consente di essere soddisfatti per avere restituito una certezza professionale a tanti medici e operatori delle professioni sanitarie che da anni lavorano senza garanzie consentendo comunque di fornire ai pazienti della provincia di Latina assistenza e prestazioni mediche di alta professionalità. L’obiettivo condiviso con le organizzazioni sindacali è quello di arrivare alla pubblicazione di tutte le graduatorie entro il 15 dicembre prossimo in un supplemento speciale del Burl. Un risultato importante – conclude Enrico Forte – in un settore, quello sanitario, che questa amministrazione regionale ha recuperato dal dissesto sanando la situazione di indebitamento e reintegrando gradualmente i vuoti degli organici come dimostra la stabilizzazione dei novanta operatori”.