sabato 13 Luglio 2024
spot_img

Ponza: una discarica nella “Grotta dei morti”. Il sequestro della Finanza

I militari della Sezione Operativa Navale di Gaeta, insieme alla Tenenza di Ponza, hanno individuato una zona del demanio marittimo, nota come “Grotta dei Morti”, che era stata trasformata in una discarica abusiva. Questo luogo, già soggetto a un’ordinanza comunale per il rischio di frane, era diventato un deposito illegale di rifiuti pericolosi e non.

La Scoperta e le Azioni Immediate

Durante le operazioni di monitoraggio ambientale, le autorità hanno scoperto che la “Grotta dei Morti” conteneva relitti di barche in legno, vetroresina e gommoni, oltre a essere utilizzata per riparazioni non autorizzate. Immediatamente, l’area è stata posta sotto sequestro e sono state avviate le indagini di polizia giudiziaria.

Denunce e Procedimenti

Le indagini hanno portato alla denuncia di tre persone alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino. I reati contestati includono l’occupazione abusiva e la gestione non autorizzata di rifiuti. La scoperta è stata un duro colpo per coloro che utilizzavano la grotta come discarica, mettendo in pericolo un’area paesaggisticamente protetta.

L’Impegno delle Fiamme Gialle

L’operazione mette in evidenza l’impegno delle Fiamme Gialle nella protezione del patrimonio naturale delle isole Ponziane. Le autorità continuano a lavorare per garantire la tutela ambientale e prevenire attività illegali che potrebbero danneggiare le risorse paesaggistiche della regione Lazio.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img