Spezzare il fil rouge che da anni guida il Comune di Pontinia. Effettuare scelte che possano dare ai cittadini un’alternativa valida alla maggioranza uscente.

E trovare un candidato sindaco che possa essere sintesi per l’intero centrodesttra.

A Pontinia, infatti, il Partito democratico ha già ufficializzato la propria scelta che è quella di puntare sul secondo mandato del sindaco uscente Carlo Medici.

Intorno a lui si cercherà di aggregare, considerato che si tratta di un moderato non inviso ai cittadini anche di posizioni altre rispetto al Pd, forze nuoveche possano dare nuovo impulso al governo della città.

Al contrrario per quanto riguarda il centrodestra, e comunque i partiti che ne dovrebbero rappresentare la coalizione, ancora tutto tace.

A sollecitare l’esigenza di riportare al centro il dibattito, e di non perdere tempo anche rispetto ad una campagna elettorale che, in vista delle urne del 2021, sarà complicata da una pandemia che sta aumentando la pressione ovunque, è il portavoce di Fratelli d’Italia a Pontinia, Massimiliano Antelmi.

“A Pontinia la campagna elettorale è già iniziata. Sappiamo già chi è il candidato sindaco del centrosinistra, il sindaco uscente Carlo Medici. Ma cosa ha intenzione di fare il centrodestra? Per Fratelli d’Italia non bisogna perdere tempo. Siamo aperti al dialogo e al confronto su candidati e programmi, affinché si arrivi alla svelta ad una soluzione che possa permetterci di riprendere la guida della città nel 2021″.

Pontinia il prossimo anno andrà al voto con altri Comuni in provincia tra cui il capoluogo. Al momento proprio il confronto sul futuro del centrodestra a Latina potrebbe aver “ingessato” ogni opzione da mettere in campo in altre realtà del territorio.

“Il tempo stringe. Anche se apparentemente mancano ancora almeno 7-8 mesi al voto, la realtà è che potremmo dover fare i conti con una campagna elettorale diversa e “ristretta” a causa delle misure anti-Covid, con cui rischiamo di dover convivere ancora per molto. Questo scenario – conclude Antelmi – rende impossibile pensare di concentrare tutto nel mese che precede il voto. Urge una risposta rapida da contrapporre a Carlo Medici. Noi ci siamo e auspichiamo di poter arrivare ad una proposta unitaria insieme a quanti si riconoscono nel centrodestra e vogliono costruire un’alternativa all’amministrazione uscente”.