giovedì 1 Giugno 2023

Pontinia, l’amore per Elisa va rimosso. Individuato l’autore delle scritte sui muri

“Se fossi Elisa lo lascerei”, è uno dei commenti più morbidi rivolti all’autore delle scritte amorose comparse sui muri degli edifici di fondazione della piazza comunale a Pontinia. La condanna unanime dell’amministrazione comunale scuote Pontinia visto che la bravata giovanile (come viene considerata da qualcuno), è senza dubbio indice di scarso (se non assente) senso civico e rispetto per i monumenti che raccontano la storia del centro pontino.

Il Comune di Pontinia, condannando l’atto vandalico, nelle scorse ore ha annunciato che il responsabile è stato individuato: “Il premio Nobel che ha imbrattato i muri del Palazzo municipale è stato individuato anche dai militari dell’Arma dei Carabinieri che ringraziamo – così è pubblicato sulla pagina facebook del Comune –. Tolleranza zero verso questi atti di inciviltà commessi a danno della comunità tutta”.

“Quel travertino rappresenta la storia di Pontinia, chissà… forse i tuoi nonni o bisnonni lo videro inaugurare quel palazzo che tu hai autografato…. – scrive il consigliere d’opposizione Paolo Torelli sul proprio profilo –. Sarà ripulito! E tu punito! Sperando impari”.

Intanto si pone la questione della pulizia. Sull’argomento Simone Coco lancia l’idea di valutare l’opportunità di effettuare una azione completa sull’intero edificio. “La questione va approfondita e analizzata conti alla mano – dichiara Coco – ma se possibile si potrebbe pensare di portare l’opera di pulizia sull’intero stabile comunale. Dell’iscrizione vandalica non deve rimanere traccia neanche nelle sfumature del bianco travertino”. Il gesto d’amore per Elisa proprio non è piaciuto a tutta Pontinia.

CORRELATI

spot_img
spot_img