Pontinia
Il Comune di Pontinia

Pontinia riparte dal centrodestra.

In questi giorni si è svolto un incontro tra i dirigenti dei partito a livello locale.

Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia si sono messi intorno ad un tavolo per discutere di temi e programmi all’insegna della condivisione.

Presenti in rappresentanza del partito di Giorgia Meloni, Massimiliano Antelmi e Gino Bonanni, per la Lega il coordinatore comunale Giuseppe Belli e per Forza Italia il dirigente comunale e componente dell’assemblea provinciale, Daniela Lauretti.

Un incontro che ha fatto del pragmatismo il motore di ogni decisione che si intende assumere in futuro.

Tra i temi trattati lo stato in cui versano le scuole, il sociale, le tasse, il degrado dell’area industriale e il nodo piscina.

Alla base la constatazione dell’immobilismo a cui Pontinia è condannata a causa anche delle costanti, e non più sotterranee, spaccature che contraddistinguono la maggioranza che la governa.

Il modello preso ad esempio è quello delle tante amministrazioni in cui il centrodestra compatto è riuscito a dare risposte alle effettive esigenze dei territori grazie ad una classe dirigente capace e decisa.

“Un primo incontro importante, a cui ne seguiranno altri, che è servito – spiegano – a mettere un punto fermo, il centrodestra c’è, è unito ed è pronto per le sfide future sia a livello nazionale che locale”.

Posizioni che sembrano evidenziare il fatto che le spaccature del passato sono state archiviate.

Oggi l’obiettivo è creare un percorso unitario per dare a Pontinia un governo stabile, in grado di imprimere una sterzata sotto il profilo dello sviluppo e dei servizi senza primogeniture o corse in avanti.

L’avviso di sfratto al Pd è pronto ad essere ratificato.