Restano accesi i fari sull’impianto Sep di Pontinia.

I miasmi continuano, i cittadini sono in rivolta, i comitati mobilitati.

Si cercano risposte chiare e soluzioni immediate soprattutto a tutela della salute pubblica.

Domani, sulla scorta della richiesta avanzata da diversi consiglieri regionali, si svolgerà quindi in commissione competente in materia alla Pisana l’audizione sull’impianto di trattamento rifiuti Sep di Pontinia.

“Il focus della seduta riguarderà quanto di competenza della commissione, e pertanto tutti gli aspetti relativi all’impianto Sep che incidono in vista del futuro piano regionale di gestione rifiuti, che ci apprestiamo a discutere da qui a pochi mesi: il suo funzionamento, il fabbisogno che potrà soddisfare e quindi le sue prospettive.  E’ fondamentale avere cognizione di causa della capacità impiantistica su cui la Regione Lazio può contare, al fine – spiega il presidente della commissione, Marco Cacciatore – di elaborare un ciclo di impianti commisurato alle esigenze delle comunità, attento alla vivibilità dei territori ed agli interessi della collettività.”

L’impianto è al centro di complesse vicende giudiziarie e di quello che è risultato essere un vero e proprio scandalo rifiuti.

A luglio si era svolto a Fossanova un incontro pubblico a cui avevano partecipato oltre ad esponenti regionali del Pd anche i sindaci dei Comuni interessati, oltre a Pontinia, anche Priverno, Sonnino, Maenza e Roccasecca De Volsci.

Il tema oggi è dare risposte ai cittadini, fatto salvo il lavoro della magistratura, che chiedono certezze a seguito dei danni provocati dagli sversamenti sui terreni di materiale inquinante.