Pontinia
Il Comune di Pontinia

Saranno realizzati a Pontinia 24 alloggi a canone sostenibile. “Siamo alle battute finali del procedimento” ha detto il consigliere comunale Paolo Torelli. E in effetti è stato pubblicato il nome delle ditte che si sono aggiudicate l’appalto. Si tratta dell’Ati Cimino Giuseppe srl unipersonale di Monte S. Biagio e Amato Costruzioni srl di S. Vittore del Lazio, in provincia di Frosinone, che come offerta economica hanno indicato un ribasso percentuale del 21,37%.

Come previsto nella determina a contrarre 191 del 2016, erano state effettuate due distinte gare di appalto, una per la realizzazione degli edifici, l’altra per la realizzazione delle opere di urbanizzazione, tutte previste nel programma di Riqualificazione urbana alloggi a canone sostenibile. Piccolissime porzioni di terreno sono state già espropriate.

La decisione fu presa quando in Regione era presidente Marrazzo, lo Stato mise a disposizioni fondi per le zone 167, le zone popolari, e la Regione chiese ai Comuni di progettare e individuare le aree. Pontinia ha risposto. Nel 2012 ci fu la ratifica in consiglio comunale. Il Comune raccolse l’onere di progettare e sostenere il 15% del totale delle spese, circa 600mila euro.

La maggior parte dei finanziamenti arriverà dal ministero Infrastrutture e trasporti e un’altra parte dalla Regione.

“La delibera di consiglio è stata votata all’unanimità nel 2012 – ha aggiunto Torelli – e posso dire con orgoglio che Pontinia è una città in cui c’è unione di fronte a settori importanti quali i servizi sociali, l’urbanistica, il commercio. Senza beghe tra le varie fazioni politiche, nonostante le differenze, riusciamo a trovare delle soluzioni”.

Il progetto prevede la realizzazione di due palazzine, con 12 appartamenti ognuna.