mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img

Piscina scoperta chiusa, Davoli della Latina Nuoto: basta chiacchiere. Interviene la FIN

Arriva dalla Latina Nuoto e dal suo presidente Alberico Davoli l’ennesimo grido di rabbia e dolore per le gravi conseguenze che stanno fronteggiando le squadre di nuoto e pallanuoto dopo ben 105 giorni senza la piscina scoperta di Via dei Mille.

“Basta!!! 105 giorni senza impianto, decine di richieste delle società e dei genitori al Comune, appelli al Prefetto, contrappelli e lettere al Sindaco e chi più ne ha più ne metta, il tutto senza avere risposte o rimedi da parte dell’Amministrazione al problema – così Davoli in una nota – Siamo ai limiti del tracollo per la Pallanuoto a Latina ed è palese che l’assenza del Comune a trovare soluzioni alternative e a darci un supporto e sostegno nel permetterci di proseguire l’attività stia contribuendo non poco alla crisi delle società. Se è in difficoltà una Asd come l’Ambranuoto, con gli allenamenti per i suoi nuotatori, figuriamoci in che condizioni sono le associazione sportive come l’Antares, Latina Pallanuoto e la mia Latina Nuoto che hanno disagi oltre che dal trovare impianti dove allenarsi anche a reperire i campi gara per disputare le partite di campionato in casa. Ma è proprio questa la domanda da porsi. Ma di quale casa parliamo? Oramai non abbiamo più una casa”.

Davoli non esita a parlare di “una stagione avviata male e compromessa, non per nostra responsabilità, ma dalle beghe del Comune con il Privato“.

“L’unica nota positiva a questo grido di dolore è la vicinanza della F.I.N. che nei prossimi giorni sarà a Latina per dare spunti e proporre soluzioni, in specie alle società di Pallanuoto, proprio sulla vicenda dei campi di gara dove poter giocare gli incontri in casa. Il mio appello è stato ascoltato dal Presidente del C. R. Lazio Dott. Giampiero Mauretti che sicuramente nell’occasione presenterà ufficialmente il presidente della Latina Pn Francesco Damiani nella veste di neo delegato provinciale della F.I.N. Noi come Latina Nuoto e Antares porteremo le nostre idee, a partire dal riproporre al Comune la costituzione di un Consorzio tra le società sportive, la F.I.N., il Comune e il concessionario per una gestione ponte della Open fino al termine della stagione. Ma suggeriremo anche soluzioni alternative per le piscine dove disputare le partite in casa. Mi permetto poi, viste le mie 85 primavere e gli oltre 40 anni di militanza in questa Federazione, di dare questi consigli e di suggerire anche un intervento diretto, se lo ritenesse necessario, del Presidente Federale Nazionale Paolo Barelli presso lo stesso Sindaco Coletta. Il tutto sempre per stimolare il buon senso di chi amministra il Bene Comune e il servizio pubblico”, annuncia Davoli.

Davoli chiede che l’amministrazione ponga fine al problema del pellegrinaggio delle squadre di pallanuoto. Questa situazione, spiega il presidente della Latina Nuoto, ha portato all’abbandono di tanti atleti e degli sponsor.

“Oggi Abbiamo bisogno di certezze non più di chiacchiere!!! Le nostre sono gestioni programmate e non possono essere frutto di improvvisazione con gli atleti e le famiglie che ci sono rimaste vicine che si sobbarcano enormi sacrifici e peripezie. Fino a quando i genitori sopporteranno tutto questo e fino a quando noi potremmo resistere prima di scomparire? Immaginiamo per un attimo se questo fosse accaduto al Calcio, al Volley, al Basket o al Calcio a 5. Questi sport, con le prime squadre di Serie B e serie A unitamente alle loro formazioni giovanili, dove sarebbero dopo 105 giorni di chiusura impianti? avrebbero avuto risposte e soluzioni? Forse sì e la storia ahimè ce lo insegna… noi del Nuoto e Pallanuoto – conclude amaramente Davoli -, premiati l’Estate in Comune per i brillanti risultati e le vittorie e Promozioni ottenute in Campionato, invece ancora le aspettiamo!!!”

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img