La strada di accesso al Villa Fogliano questa mattina era completamente sbarrata. Nessuna transenna, nessuna misura di contenimento, solo quella che aveva ed ha, tutti i colori ed i contorni dell’esito di una mancata manutenzione.

Ad impedire il passaggio erano infatti alberi e rami che sono finiti a terra a causa, probabilmente, del forte vento di questa notte.

Una situazione che, con cadenza quasi regolare, si presenta in una delle zone a maggior pregio della provincia di Latina che continuano ad essere segnate dalla mancanza di adeguata e continuativa manutenzione.

Non è la prima volta, infatti, che gli alberi si abbattono a terra. Solo qualche mese fa un episodio analogo aveva coinvolto anche alcune bufale, uccidendole.

Ad oggi sull’area, dove ci sono anche tanti alberi secolari e piante che, a vista d’occhio risultano malate o secche, servirebbe un piano di manutenzione straordinaria, e di monitoraggio dello stato di salute del “patrimonio verde”, per evitare che ai danni materiali si sommino quelli alle persone.

Il problema è che uno dei gioielli del territorio pontino, sotto il profilo ambientale e naturalistico, sembra essere impantanato in un rimpallo di competenze che generano immobilismo e non stanno provvedendo a mettere in sicurezza gli alberi e l’intera intera area.