domenica 25 Febbraio 2024
spot_img

Pericardite dopo il vaccino Pfizer: dottoressa della Asl di Latina chiede i danni all’azienda

Ritiene di essere ‘vittima del vaccino anti covid’ e per questo ha chiesto i danni alla Asl di Latina che, come tutte le altre a livello nazionale, l’ha obbligata a vaccinarsi. Si tratta di una dottoressa in forza all’azienda pontina di 47 anni, che ha presentato una richiesta di indennizzo.

La richiesta, si tratta del primo caso in provincia, è stata inoltrata dall’avvocato Renato Mattarelli.

La dottoressa si è sottoposta alla vaccinazione Pfizer nel gennaio 2021 (l’8 la prima dosa, il 29 la seconda) all’ospedale di Terracina, ed ha accusato una serie di problemi fisici praticamente qualche ora dopo la seconda somministrazione.

Appena un paio di giorni dopo, le fu diagnosticata una pericardite. L’esperienza della dottoressa le ha suggerito che questo malessere sia stato provocato proprio dal vaccino.
Nella richiesta di indennizzo, in base alla legge 210 del 1992, il medico-paziente ricostruisce dettagliatamente quanto avvenuto nei giorni successivi alla vaccinazione quando si recò all’ospedale Fiorini di Terracina “con picco febbrile, alterazione di tutti i parametri ematici e con versamento pericardico e pleuricobilaterale” come scrive nell’istanza.

Tutta da dimostrare, ovviamente, la connessione tra vaccino e pericardite. La 47enne, però, porta a sostegno della sua tesi gli accertamenti effettuati nei giorni e mesi successivi. Cosa che viene indicata, nei referti, anche dai medici che li hanno sottoscritti. Naturalmente, per avere lacertezza della correlazione, saranno necessari ulteriori approfondimenti clinici.
Uno degli ultimi esami risale al 29 settembre 2022 all’ospedale Goretti di Latina, dove la donna si è sottoposta a una risonanza magnetica nel cui referto si fa riferimento a presunti «danni permanenti post-vaccinali». Ad oggi il medico-paziente lamenta anche un’insufficienza mitralica con un versamento pericardico e altre complicanze.

“In sostanza – commenta l’avvocato Mattarelli – ci troviamo davanti a una vita e una carriera professionale interrotte per il medico che si è sottoposto all’obbligo vaccinale al fine di proteggere gli altri sanitari e i pazienti con cui sarebbe entrato in contatto. Il medico però non è riuscito a proteggere se stesso e a sua volta è diventato uno dei tanti pazienti a cui ha dedicato la vita”.

La dottoressa ha presentato all’Asl di Latina una prima domanda di indennizzo previsto dalla legge 210/1992 in favore dei soggetti danneggiati da vaccinazioni obbligatorie, a cui seguirà anche la causa di risarcimento integrale dei danni. L’indennizzo infatti è un primo emolumento di natura assistenziale, simile ad una pensione di circa 850/950 euro mensili, mentre il risarcimento consiste in un più corposo e unico pagamento contenente tutte le voci di danno.

“Nel caso del medico pontino danneggiato – sostiene l’avvocato Mattarelli – si tratta di un danno alla salute anche psichica vista la reazione depressiva all’evento, morale da coazione psicologia alla obbligatorietà del vaccino e patrimoniale da perdita di occasioni di carriera e spese”. Un caso che si preannuncia particolarmente delicato, vista la complessità della materia e la necessità di individuare una o più controparti tra il Ministero della Salute, l’Aifa, il produttore del vaccino (Pfizer-Biontech), il distributore ed eventualmente la Asl.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img