Home Cultura Maenza, niente Passione di Cristo. Il sindaco: “La situazione della pandemia non...

Maenza, niente Passione di Cristo. Il sindaco: “La situazione della pandemia non lo consente”

0

Un lungo post social nel quale spiegare una scelta che altri sindaci non hanno fatto. Questo quanto deciso dal primo cittadino di Maenza, Claudio Sperduti, che ha reso noto come, anche per questo 2022, a causa della situazione sanitaria, la rappresentazione della Passione di Cristo di Maenza non si farà.

Una decisione sofferta comunicata ieri dal sindaco e dal presidente dell’associazione Roberto Ciccateri, che hanno scritto: “Con grandissimo dispiacere comunichiamo che non ci sono le condizioni per svolgere quest’anno la Sacra rappresentazione della Passione di Cristo.

Il rispetto stringente delle norme sulla sicurezza e quelle sulla gestione del contenimento del Covid-19, limitano notevolmente la presenza di pubblico.

L’evento costa molto sia in termini economici che pratici e non possiamo permetterci di svolgerlo per un numero ristretto di persone (il piano ne prevede circa 300).

Ormai è un fatto che la passione di Cristo di Maenza da anni richiama migliaia di persone. Nei giorni scorsi già tanta gente ha chiamato in Comune per avere conferma dell’evento e oltre 30 camper hanno già fatto richiesta di occupazione di suolo pubblico per i giorni che vanno dal Venerdì Santo fino a Pasquetta. Non possiamo permetterci di far arrivare a Maenza persone senza permettergli di vedere la Passione di Cristo, sarebbe per tutti noi una sconfitta.

Da oltre un mese, quasi tutte le sere molti attori e figuranti partecipano alle prove con tanto entusiasmo ed ora è complicato per tutti accettare tutto questo, ma purtroppo non possiamo fare altrimenti.

Dopo due anni di pandemia, tenevamo molto a questo evento, volevamo e vogliamo ripartire.

Ci salutiamo con un impegno: se le condizioni lo permetteranno, nelle forme e nelle modalità che decideremo, svolgeremo la Passione di Cristo questa estate nel mese di Luglio.

Sicuramente mancheranno i sentimenti di rinascita e le suggestioni che solo il periodo di Pasqua regala però siamo certi che sarà un bel momento di condivisione partecipazione per tutti noi Maentini”.

Exit mobile version