domenica 4 Dicembre 2022

Palazzetto dello Sport, botta e risposta tra il sindaco Di Giorgi e il PD

di Redazione – Non si placa la discussione che vede protagonista il Palazzetto dello Sport di Latina. Dopo i solleciti del presidente della Top Volley e del capogruppo PD in consiglio comunale, Alessandro Cozzolino, per l’ampliamento della struttura così come richiesto anche dalle direttive della Serie A1, il sindaco Di Giorgi ha parlato di “regolamenti” assurdi” e di “decisioni prive di riferimento alla realtà attuale”.

Secondo il primo cittadino, infatti, è “assurdo che venga imposto alle società e quindi agli enti locali di investire in impianti sportivi da 3500 posti, quando poi la realtà dei fatti e della partecipazione è ben lontana da questi standard, nonostante l’importanza che riveste il volley nel panorama sportivo internazionale”. Quindi Di Giorgi ha ribadito che in questo momento l’Amministrazione non è “in grado di affrontare questo investimento autonomamente, senza socio privato, perché non ha somme di tale portata” ma è disposta “a venire incontro alle esigenze di un eventuale privato che voglia investire in un nuovo palazzetto sportivo, anche attraverso delle concessioni di terreni comunali, nel rispetto ovviamente delle norme vigenti”.

“Il sindaco non può addossare le responsabilità alla Lega” ha replicato Cozzolino che, in un comunicato congiunto con il Delegato all’Impiantistica sportiva per la Segreteria provinciale del PD, Francesco Damiani, ha espresso il suo disappunto per le risposte del primo cittadino di Latina.

Le dichiarazioni del sindaco Di Giorgi appaiono inconsistenti e fuori luogo – afferma Francesco Damiani -. Non corrisponde alla realtà quando dice che a Latina ci sono solo 500 persone alle partite di volley. Infatti, in tanti anni di militanza in A1 il Volley ha registrato, in moltissime occasioni, il tutto esaurito in ognuno dei suoi 1.500 posti. Oltre a ciò è totalmente inutile e fuorviante attaccare la Lega e le nuove disposizioni, per coprire la mancanza di strutture sportive nella nostra città. Un primo cittadino deve offrire il proprio impegno per trovare delle nuove soluzioni alle disposizioni che arrivano da una Lega Nazionale. Non può sottovalutare il problema e rischiare di perdere il volley a Latina che, da molti anni rappresenta una eccellenza sportiva della nostra città”.

Cozzolino poi, a proposito della disponibilità dell’amministrazione di accogliere le proposte di investitori privati, ricorda che “risulta che un privato della città abbia già protocollato una sua richiesta di intervento su suolo pubblico per la costruzione di un palazzetto e di una piscina. Alle richieste del privato, però, l’amministrazione ancora non ha fatto recapitare alcuna risposta. Sinonimo, questo, che alle parole di facciata l’amministrazione comunale non fa seguire alcun atto concreto per poter modernizzare e rendere migliori gli impianti sportivi della città. Impianti che ospitano, ogni anno, i migliori campionati d’Italia”.

CORRELATI

spot_img
spot_img