lunedì 30 Gennaio 2023

Operazione Dusty trade, gli arrestati davanti al gip

Inizieranno domani mattina, venerdì 22 febbraio, gli interrogatori dei 13 arrestati nell’ambito dell’operazione Dusty trade. Intanto è stato chiesto l’interrogatorio per rogatoria a Cassino per il giudice non togato coinvolto nell’inchiesta. Enzo De Meo, giudice della Commissione tributaria provinciale di Latina, avrebbe secondo gli inquirenti avrebbe utilizzato la sua funzione per concedere favori e avere in cambio somme di denaro ma anche in un caso, l’assunzione della nuora. Due le sentenze contestate, che avrebbero agevolato una società di costruzioni. Ad aiutarlo ci sarebbe stato l’avvocato dell’Agenzia delle Entrate.

Domani a Latina sarà interrogato Andrea Nicastro, dipendente dell’Agenzia delle Entrate di Latina arrestato anche nell’ambito dell’operazione Super Job, dalla quale era partito questo ulteriore filone di indagine. Lo assiste l’avvocato Antonello Madeo. Comparirà davanti al giudice Mara Mattioli anche Salvatore Martano, difeso dall’avvocato Fabio D’Acunto e poi Giovanni Vartolo amministratore della Costruzioni 2V srl assistito da Pierpaolo Dell’Anno e Giuseppe Murone.

Lunedì saranno invece sentite le persone finite agli arresti domiciliari. L’avvocato dell’Agenzia delle Entrate Tiziana Maiolino, Giovanni Sedia (altro dipendente dell’Agenzia delle Entrate), Antonio Ciccotti difeso dagli avvocati Mario Vulcano e Giovanni Paoletti e Andrea Ciccotti e Marco Cristofaro, assistiti invece da Mario Vulcano.

Gli altri saranno ascoltati il 27 febbraio. Gli avvocati si preparano ad elaborare una linea difensiva e se qualcuno deciderà di rispondere alle domande del gip altri resteranno in silenzio.

CORRELATI

spot_img
spot_img