mercoledì 5 Ottobre 2022

Operaio morto folgorato, la Femca Cisl chiede un incontro sulla sicurezza ad Acqualatina

L’incidente in cui ha perso la vita Massimo Massetti, operaio di 50 anni di Aprilia, riapre il dibattito sulla sicurezza sul lavoro e sulle morti bianche.

Massetti, dipendente di Acqualatina, era impegnato nel ripristino di un impianto oggetto di furto di rame quando è stato colpito da una scarica elettrica purtroppo fatale.

Cordoglio e dispiacere arriva dal Segretario Generale della Femca Cisl di Latina, Roberto Cecere, che invita a “non abbassare mai la guardia sul tema della qualità e sicurezza del lavoro. Bisogna lavorare sulla consapevolezza del rischio delle persone. Chi lavora deve adottare tutti i dispositivi per evitare incidenti e deve pretendere che gli vengano forniti. Le aziende hanno l’obbligo di custodire l’incolumità dei propri dipendenti. La sicurezza non può essere un optional, ma una regola”.

Per questo il sindacato ha chiesto un incontro ad Acqualatina “al fine di cercare di comprendere meglio quanto accaduto, e le dinamiche che hanno portato all’incidente. Soprattutto vogliamo comprendere se esistono i margini di manovra per migliorare ancora di più la sicurezza di quanti operano sugli impianti”.

CORRELATI

spot_img
spot_img