Giuseppe De Matteis
Il Questore di Latina Giuseppe De Matteis

Il procuratore aggiunto Nunzia D’Elia ha confermato che il movente che ha spinto il 32enne arrestato a Napoli ad uccidere Vincenzo Zuena sono stati i soldi. L’uomo, nipote di secondo grado della vittima, voleva un prestito dallo zio che forse ha rifiutato di dargli nuovamente soldi. Il ragazzo, infatti, usava il danaro per comprare stupefacenti. Lunedì ha ucciso il povero pensionato a coltellate per poche centinaia di euro.

Al Prefetto di Latina Pierluigi Faloni e al Questore di Latina Giuseppe De Matteis è andato il plauso del sindaco di Fondi, Salvatore De Meo, che ha anche ringraziato “per grande vicinanza dimostrata alla città di Fondi contribuendo a rasserenare il clima sociale e il tessuto economico della piana, dove prevalgono i valori del lavoro, della solidarietà e dell’impegno sociale, come dimostra l’esito della tragica vicenda, che non ha alcuna connessione con fatti di criminalità organizzata”,

Il primo cittadino non ha potuto non fare riferimento alla polemica con la Rai e ad alcuni media che si sono “avventurati in ipotesi inverosimili che non hanno alcuna utilità informativa poiché prive di ancoraggi con la realtà e che nondimeno lasciano ipotizzare che vengano create ad arte, ogni qual volta se ne ravvisi l’occasione, per danneggiare l’immagine della città e la rispettabilità dei suoi abitanti. Siamo stanchi di subire costantemente inopportune e lesive inesattezze e speculazioni mediatiche, che continueremo a contrastare con forza”.

Le congratulazioni di De Meo sono andate anche al Vice Questore Massimo Mazio e ai suoi uomini “per la costanza con cui hanno seguito il caso e per la tempestività con cui lo hanno risolto assicurando alla giustizia il responsabile, con l’augurio che l’efficacia investigativa dei tutori dell’ordine pubblico possa contribuire a scongiurare ulteriori simili episodi”.