martedì 7 Febbraio 2023

Omicidio De Nitto, Trano: “Risposta della Farnesina non sufficiente”

Sulla persona sospettata di aver ucciso Veronica De Nitto, è stata messa una taglia di 10 milioni di euro. Lo ha confermato la Farnesina al deputato Raffaele Trano, che si sta impegnando affinché la famiglia della ragazza di Latina possa ricevere giustizia.

La polizia statunitense crede che il responsabile del delitto sia un ex fidanzato della 34enne e per la prima volta Trano ha ricevuto risposta alla sua interrogazione. “Il sottosegretario al ministero degli esteri Benedetto Della Vedova – ha spiegato l’esponente de “L’Alternativa C’è” – mi ha assicurato che il Governo, per il tramite della Farnesina e della rete diplomatico-consolare negli Usa, continuerà a impegnarsi per ottenere dalle competenti autorità locali ogni informazione sulle indagini in corso e continuerà a fornire assistenza ai familiari della vittima”.

La ragazza, che lavorava negli Stati Uniti nel settore della ristorazione, è stata trovata morta nella sua abitazione a Daly City, nei pressi di San Francisco, il 15 gennaio scorso, oltre tre mesi fa.

“Apprezzo le spiegazioni date dal sottosegretario Della Vedova, ma la risposta non mi soddisfa. Non c’è neppure un cenno agli eventuali contatti del nostro Ministero con la nostra ambasciata in Messico e con le autorità messicane, dove le autorità statunitensi ritengono sia fuggito il presunto assassino. Nulla dunque che consenta di comprendere cosa stia facendo lo Stato italiano per favorire la cattura. Nonostante le spiegazioni del sottosegretario Della Vedova, al papà di Veronica continuano inoltre a non arrivare informazioni ufficiali sulla vicenda e, visto quanto accaduto, la struttura del Ministero degli esteri che dovrebbe occuparsi di vicende del genere a cui fa riferimento il sottosegretario, non mi sembra si dimostri sufficientemente efficiente.

Auspico infine che il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, a cui ho chiesto di intervenire su un caso così delicato, risponda quanto prima al mio appello”.

Maurizio Bindotti
Maurizio Bindotti, laureato in discipline giuridiche con un master in giornalismo multimediale. Ha avuto diverse esperienze nelle redazioni di media digitali appassionandosi di cronaca.

CORRELATI

spot_img
spot_img