Il giudice per le indagini preliminari Mario La Rosa

Restano in carcere i due cittadini romeni arrestati per l’omicidio di Costantin Badalau. Il corpo della vittima era stato trovato in un appartamento di via Mascarello, a Cisterna, il 4 marzo scorso.

I due erano stati arrestati qualche giorno dopo, in seguito a strettissimi accertamenti. Questa mattina, 25 marzo, sono stati interrogati dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Latina Mario La Rosa. Difesi dall’avvocato Daniele Cardenia al gip hanno negato le accuse.

Dan Puiu e Madalin Bogdan hanno spiegato che la sera precedente alla morte dell’uomo avevano bevuto tutti molto a cena. Al termine del pasto era scoppiata una lite tra i due arrestati e la vittima. L’uomo era stato ospitato all’interno dell’abitazione con la sua compagna.

Dalle parole presto sarebbero passati alle mani, si sarebbero picchiati, ma senza gravi conseguenze. A loro dire, infatti, Badalau era vivo la mattina seguente. Infine hanno spiegato al giudice che non stavano programmando alcuna fuga, come sarebbe emerso invece dalle intercettazioni.

Il giudice, al termine dell’esame ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cautelare in carcere. La difesa sta ora valutando il ricorso al tribunale del Riesame, per chiedere la scarcerazione.

Accusate di favoreggiamento invece la compagna di Badalau, che insieme alla madre del 19enne arrestato, avrebbero ripulito le tracce di sangue.