Home Latina Nuovo ospedale, Latina nel Cuore: “Coletta entusiasta per una delle incompiute di...

Nuovo ospedale, Latina nel Cuore: “Coletta entusiasta per una delle incompiute di quelli di prima”

0

L’amministrazione comunale guidata da Zaccheo individuò l’area ex Arsial di proprietà della Regione a Borgo Piave e, in sede di Conferenza Stato-Regioni, unitamente alle opere di compensazione per la Pontina (altra opera infrastrutturale fondamentale e di cui Coletta è sempre stato detrattore) chiese ed ottenne una bretella che si innervava nel Policlinico Universitario di nuova realizzazione.

Lo ricordano i consiglieri comunali del gruppo Latina nel Cuore intervenendo sul progetto del nosocomio appena presentato dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

“Il progetto del nuovo ospedale è frutto di un protocollo d’intesa firmato negli anni in cui la città era amministrata da Vincenzo Zaccheo con l’allora direttore generale della Asl Petti ed il presidente dell’Ordine dei Medici Righetti – srivono i consiglieri -. Quel progetto, che puntava a valorizzare il grande patrimonio umano e professionale rappresentato dalla facoltà di medicina, fu approvato ed inserito nel Piano Socio-Sanitario della Regione da due diversi governi regionali, quelli di Piero Marrazzo e di Renata Polverini” scrivono Dino Iavarone, Renzo Scalco, Alessio Pagliari e Mario Faticoni commentando l’entusiasmo di Coletta che oggi definisce “un sogno che diventa realtà” ciò che fino a qualche tempo fa considerava una “cattedrale nel deserto” ed una delle tante “incompiute” lasciate da “da quelli di prima”. Come si può leggere in un documento pubblicato sul sito di “Latina Bene Comune” datato 21 agosto 2018.

Il Consiglio comunale di Latina si è espresso favorevolmente e all’unanimità su quello che avrebbe rappresentato, già allora, una straordinaria risorsa non solo per la città di Latina, ma più in generale per la provincia pontina.

“Cambiare idea è segno di grande acume, come anche di maturazione interiore. L’importante è che ciò avvenga sulla base di motivazioni di grande profondità intellettuale e politica. Non sapremmo dire, in tutta onestà, se questo sia il caso del sindaco Damiano Coletta” conclude la nota di Latina nel Cuore.

Exit mobile version