Home Aprilia Nostra Signora delle Grazie è tornata in processione, tanti i pontini presenti

Nostra Signora delle Grazie è tornata in processione, tanti i pontini presenti

0

Un sabato di splendido sole ha accompagnato i preparativi per la processione di Nostra Signora delle Grazie dal Santuario di Nettuno alla collegiata di San Giovanni nello storico borgo medievale della città.

Tantissimi i fedeli. Il corso Matteotti che affaccia sul mare gremito di persone, spettatori devoti alla Madonna Patrona di Nettuno o solo curiosi. Tantissimi i pontini che sono accorsi a Nettuno per vedere la Santa Madre in processione dopo due anni di stop a causa della Pandemia. Per chi c’era è stata una grande emozione tornare a vedere il lungo corteo della Confraternita di Nostra Signora delle Grazie, le priore e gli incollatori che hanno portato in spalla la statua.
Non sono mancati i fedeli da Latina, da Cisterna, Aprilia, ma anche dai comuni più lontani che sono venuti nel comune del tridente per l’occasione: uno spettacolo emozionante, attesissimo e magico. La scorsa settimana la tradizionale processione era stata spostata a causa del maltempo, ma ieri le visite al santuario sono addirittura aumentate. In piazza migliaia di persone che in coro urlavano con tutto il fiato “Viva Maria”.

Se per molti, come i tanti dai comuni vicini, quella di vedere la Madonna in cammino è una gioia da vivere e rivivere tutti gli anni, per Padre Pasquale è stata un’incredibile scoperta: arrivato a Nettuno solo nel 2019, quando gli è stato affidato il Santuario di Nostra Signora delle Grazie e di Santa Maria Goretti, e non ha mai potuto vedere la Processione a causa dello stop alle manifestazioni pubbliche e religiose. Ieri Padre Pasquale, visibilmente emozionato, ha guidato la processione affiancato da Don Fabrizio, parroco della Colleggiata di San Giovanni.
Prima volta anche per il
Sindaco Alessandro Coppola che ha potuto indossare la fascia e scortare, insieme al Sindaco di Anzio e alle autorità civili e militari, la Santa Patrona di Nettuno. In migliaia si sono riuniti per seguire e accompagnare la Madonna, per pregare e festeggiare Nostra Signora delle Grazie, ma anche per fare festa, assistere al concerto di piazza. L’isola pedonale dal Forte Sangallo al Santuario ha permesso ai tantissimi presenti di camminare in sicurezza. Imponente il servizio d’ordine che ha contenuto la folla. Il corteo, ridotto a causa del Covid e privo della presenza di paggetti e angioloni, in poco più di un’ora è arrivato nel cuore medievale di Nettuno. Al grido di Evviva Maria Nostra Signora delle Grazie è entrata nella collegiata di San Giovanni, dove resterà per i prossimi sette giorni a disposizione dei fedeli. Dopo la Processione la città è stata invasa da una folla festante. In giro musicisti, venditori ambulanti e tanti fedeli. Ristoranti pieni, una città che dopo tre anni riscopre le tradizioni di una vita, tra fuochi d’artificio e petali di rosa la tradizione è tornata a vivere.

Exit mobile version