Ciò che resta di Santa Maria Maggiore a Ninfa

Gli itinerari del turismo lento del Parco nazionale del Circeo e il giardino di Ninfa sono stati presentati alla Borsa internazionale del turismo (Bit) di Milano.

Al centro degli eventi di oggi, seconda giornata della manifestazione, è stata la volta delle proposte del turismo outdoor. E la provincia pontina era presente con le bellezze dei suoi territori. Per il Lazio sono stati mostrati anche i percorsi di oltre 200 chilometri proposti dal Cai di Amatrice e il turismo esperienziale nella Tuscia, caratterizzato da una forte vocazione artigianale ed enogastronomica.

“Il turismo all’aperto e quello sportivo – ha dichiarato l’assessore al Turismo e alle pari opportunità della Regione Lazio, Lorenza Bonaccorsi – rappresentano un settore strategico, che può certamente fare da traino per la valorizzazione di tutti i territori del Lazio. Va in questa direzione l’impegno della giunta Zingaretti anche per la promozione del sistema turistico golfistico.

Un impegno che abbiamo voluto raccontare qui alla Bit, illustrando quanto stiamo facendo per la promozione di questo nuovo segmento turistico attraverso le testimonianze dei responsabili Fig, la Federazione italiana Golf del Lazio, e un testimonial d’eccezione come Pierluigi Pardo. Il Golf rappresenta sicuramente una grande opportunità per destagionalizzare i flussi turistici nel Lazio valorizzando molte destinazioni delle nostre aree interne ancora tutte da scoprire. Un’occasione che non ci faremo sfuggire”.