lunedì 22 Luglio 2024
spot_img

Nel PD duello Forte – Moscardelli in attesa della direzione di sabato

di Massimo Guida – L’esito delle amministrative rimane una ferita aperta nel PD di Latina. E l’imminenza delle elezioni provinciali non sta ricompattando affatto il partito. La spaccatura più evidente riguarda ora il consigliere regionale Enrico Forte e il senatore Claudio Moscardelli.

Enrico Forte, in una lettera aperta al Corriere di Latina, prova a smorzare i toni della polemica interna. “Ritengo – scrive il consigliere regionale – che questa non sia la fase delle congiure di palazzo o di cambi di maggioranza nel PD pontino, al contrario credo che ci sia la necessità di un confronto libero e franco che ci consenta di assumere le responsabilità che l’elettorato, anche in provincia di Latina, ci ha consegnato con il voto delle scorse europee”. E prosegue Forte: “Sento su di me una responsabilità nuova e urgente che voglio condividere con il PD che è quella di poter ambire ad essere forza di governo nella nostra provincia. Mai come oggi sento che questa opportunità è vicina, ed è in larga parte nelle nostre mani, c’è però bisogno di un’azione di partito meno concentrata sulle vicende interne e più attenta a ciò che si muove nella società”. L’obiettivo di Forte è quello di costruire una proposta di governo che permetta di costruire alleanze con i delusi dalle politiche del centrodestra, in particolare in vista delle elezioni provinciali. “Dobbiamo essere dentro il cambiamento che attraversa la società rinnovando tutti profondamente gli approcci e gli stili dell’impegno politico. – prosegue Forte – Abbiamo bisogno di confronti ed azioni politiche che coinvolgano tutto il partito, nel rispetto del ruolo e delle funzioni di ciascuno. Sono convinto che a partire dalla prossima direzione provinciale questo metodo di lavoro sarà garantito ed orienterà l’azione del PD provinciale nei prossimi mesi”.

Dalle parole di Forte emerge la volontà di aprire un confronto all’interno del partito e all’esterno. Lo scopo è creare un progetto in attesa delle elezioni provinciali, sfruttando quello che è il momento d’oro a livello nazionale dovuto al risultato delle Europee.

Su Facebook arriva la replica di Claudio Moscardelli. “Il PD deve puntare ad eleggere il Presidente della Provincia e ad avere la maggioranza in Consiglio Provinciale. – si legge sul profilo del senatore – Poiché votano i consiglieri comunali e i sindaci occorre stringere alleanze in quanto il PD non è autosufficiente. Non ho sentito proposte alternative a meno che non si voglia ricoprire in solitario il ruolo dell’opposizione. Il tentativo di gossip politico serve alla ricerca di visibilità personale ma il PD in provincia e a Latina deve disinteressarsi della tattica interna che è l’unica funzione dei soliti noti”. Nella conclusione la chiusura alla volontà di proseguire con la polemica interna: “I congressi si sono tenuti, il rinnovamento con La Penna, Cozzolino, Quattrola e una nuova leva di dirigenza provinciale e comunale in cui spiccano tanti giovani in particolare donne sono fatti. Pensiamo ad affrontare i problemi della comunità e a lasciar perdere posizioni strumentali e minoritarie”. E conclude: “Il buon lavoro della Regione e del Governo nazionale vedono protagonisti Renzi, Zingaretti e il PD. Pensiamo al nuovo governo della provincia di Latina. Sabato ci confronteremo in direzione!”

E infatti, l’appuntamento per il confronto, che si preannuncia acceso, è per sabato mattina, quando ci sarà la direzione provinciale. Tutti concordi nel vincere le elezioni provinciali. Ma sul come, con quali alleanze e su chi puntare il dibattito è tutt’altro che chiuso.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img