lunedì 22 Aprile 2024
spot_img

Natale sotto tono per i negozianti, vendite in calo del 20%: la denuncia di Confesercenti

I commercianti lamentano un Natale sotto tono con un calo delle vendite, rispetto allo scorso anno, del 20%. Un fine 2017 da dimenticare per i negozianti che accusano il Black Friday del 24 novembre, che in realtà si è trasformato in un lungo ponte. I regali scelti sono stati per lo più cibo e libri, e sono stati spesi mediamente 100 euro pro-capite.

Secondo il presidente della Confesercenti di Latina Susanna Gloria non c’è dubbio, c’è stato un calo mediamente del 20 per cento in centro e leggermente meno in periferia, intorno al 10-15. Nei negozi d’abbigliamento o di intimo si è anche arrivati al 30 per cento.

Sono andati bene i libri, hanno tenuto gli alimentari, la profumeria è scesa del 2 per cento, mentre la tecnologia è stata venduta soprattutto online. I regali sono stati dei pensierini, c’è stata una riscoperta della gastronomia.

Susanna Gloria punta il dito contro il Black Friday, in realtà Black week end che ha compromesso gli acquisti di dicembre, ma anche contro lo scarso appeal della città.

“Bisogna invertire la rotta – ha detto Susanna Gloria – con una politica di rilancio e creare nuovi “appeal” per Latina in modo da creare un indotto natalizio, animare la città di eventi e rilanciare il centro. Infatti nei centri commerciali tutto è andato secondo le aspettative, maggior afflusso di persone a discapito del centro città”. Gli acquisti più costosi sono stati rimandati ai saldi che inizieranno tra pochi giorni.

Francesco Miscioscia
Francesco Miscioscia
Francesco Miscioscia consulente di Marketing strategico nell’ambito della comunicazione politica ed istituzionale da oltre 35 anni. Master in Marketing internazionale – Politiche di Marketing, ricerche di mercato, modalità di penetrazione sui mercati esteri ed internazionalizzazione delle imprese.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img