Morte di Sara Roncucci, il giudice di Bergamo non archivia il procedimento per 25 medici

Il giudice respinge la richiesta di archiviazione per le posizioni dei 25 medici indagati per la morte di Sara Roncucci. Il procedimento penale non sarà archiviato, il gip del Tribunale di Bergamo, Bianca Maria Bianchi, ha fissato l’udienza in camera di consiglio per martedì 27 febbraio 2018. Sara è deceduta il 27 dicembre 2016 dopo un calvario lungo quasi quattro mesi, iniziato da un intervento di routine e che ha coinvolto tre strutture ospedaliere.

Il 2 settembre 2016, si era sottoposta a un intervento di mini by-pass gastrico all’ospedale di Siena per superare i suoi problemi (genetici) di obesità, ma a causa del distacco di una graffetta dell’operazione, subito dopo essere stata rimandata a casa, aveva avuto un’emorragia addominale. In preda a dolori sempre più acuti, la donna si era recata per due volte al pronto soccorso dell’ospedale Goretti di Latina, prima il 9 settembre, ma era stata subito dimessa con un semplice analgesico, e poi il giorno dopo. Sara era andata in arresto cardiaco e aveva riportato gravi danni cerebrali da cui non si riprenderà più. È morta il 27 dicembre dopo una crisi polmonare nella casa di cura “Habilita” di Zigonia di Ciserano (Bergamo), dove stava effettuando la riabilitazione neurologica.

I familiari della vittima, tramite la consulente personale Simona Longo, per fare piena luce sui fatti e ottenere giustizia si sono rivolti a Studio 3 e hanno presentato un esposto presso i carabinieri di Zigonia.

La richiesta di archiviazione aveva amareggiato i familiari di Sara: sul fronte civile, infatti, le conclusioni delle perizia fatta svolgere, che spiega come il comportamento dei medici sia stato in più punti lacunoso, rappresentano un buon presupposto per ottenere un risarcimento (la donna lascia anche due figli), ma la famiglia ci teneva anche all’aspetto penale e non sapeva capacitarsi di come la morte della loro cara dovesse restare senza colpevoli. Invece il procedimento resta aperto.

 

SHARE