di Daniela Pesoli – La minoranza ha chiesto di istituire una commissione speciale per affrontare il problema del fungo patogeno che sta danneggiando la sughereta di Monte San Biagio.

L’istanza è stata presentata nell’ultima seduta consiliare dai gruppi Monte San Biagio Futura e SiAmo Monte San Biagio tramite un’interpellanza, che è stata accolta dal sindaco Federico Carnevale.

“Preso atto di tale risposta positiva – hanno commentato i gruppi di opposizione – provvederemo, alla prossima adunanza del consiglio comunale, a presentare una specifica mozione con la quale si proporrà di deliberare l’istituzione della commissione speciale, auspicandone l’approvazione con voto unanime”.

Di recente il comune di Monte San Biagio ha aderito al patto per la salvaguardia della sughereta, a favore della quale la Regione Lazio ha stanziato 300 mila euro per eseguire gli interventi necessari per eliminare i patogeni che da anni aggrediscono l’area.

Sull’argomento, la minoranza ha voluto dare il suo contributo con l’interpellanza presentata in consiglio.

“Riteniamo – hanno spiegato – che la problematica del fungo patogeno che  devasta la sughereta di Villa San Vito sia caratterizzata da eccezionale gravità e da un interesse pubblico di estrema rilevanza, che impone il diretto coinvolgimento e la responsabilizzazione del consiglio comunale, i cui componenti devono essere fattivamente partecipi delle scelte politiche e amministrative idonee a fronteggiare tale emergenza. A tal fine, è necessario istituire quanto prima una apposita commissione consiliare speciale di studio che agisca di concerto con i rappresentanti delle principali associazioni ambientaliste operative sul territorio”.