domenica 25 Febbraio 2024
spot_img

Minaccia la moglie con un coltello per avere rapporti sessuali con lei: divieto di avvicinamento per un 47enne pontino

La Polizia di Stato di Terracina ha recentemente eseguito un’ordinanza emessa dal Tribunale di Latina, che impone una misura cautelare di divieto di avvicinamento e comunicazione nei confronti di un 47enne di San Felice Circeo. La decisione è stata presa in seguito a gravi accuse di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale protratti nei confronti della moglie durante la fase di separazione.

La vittima, entrata in contatto con la Polizia di Stato per altri motivi, ha condiviso un racconto doloroso di anni di soprusi e violenze subite dal compagno, anche alla presenza dei figli. Numerosi episodi di violenza sono stati vagliati e riscontrati durante l’indagine, rivelando un clima familiare di terrore e sottomissione psicologica instaurato dall’indagato nel corso degli anni.

Le accuse includono ingiurie, minacce di morte, percosse, e addirittura il rischio di soffocamento con un cuscino in una circostanza. La donna ha denunciato che la situazione è degenerata a causa del presunto utilizzo di alcol e droghe da parte dell’uomo.

L’indagato dovrà rispondere anche del reato di violenza sessuale, avendo costretto la compagna a subire ripetuti rapporti sessuali sotto minaccia di un coltello. Nonostante la separazione avvenuta circa un anno e mezzo fa, l’uomo ha continuato a minacciare la donna, giungendo persino a minacciare di incendiare l’abitazione.

La vittima, temendo per la propria sicurezza, ha presentato una formale denuncia che ha portato all’emissione della misura cautelare da parte delle autorità competenti. L’individuo, descritto come privo di autocontrollo, continua a dimostrare una pericolosità che ha reso necessaria l’intervento deciso della Polizia di Stato.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img