Marina Aramini e Ernesto Coletta
Marina Aramini e Ernesto Coletta

Le mascherine non si trovano, come i guanti d’altronde, e l’esame di maturità diventa l’ennesimo salto ad ostacoli.

Senza adeguati presidi di tutela e sicurezza effettuare l’esame sarebbe impossibile. L’appello era arrivato dai presidi delle scuole superiori di Latina. Ed oggi è stata portata in assemblea provinciale dal consigliere Ernesto Coletta.

L’input era arrivato da consigliere comunale di Lbc Marina Aramini, che ricopre il ruolo di dirigente scolastica.

Il reperimento delle mascherine chirurgiche, difficilmente reperibili dalle scuole, e a prezzi comunque poco sostenibili per gli istituti, è la condicio sine qua non (insieme al distanziamento interpersonale tra personale scolastico e tra candidati) per lo svolgimento degli esami di Stato in presenza.

“Il consiglio provinciale ha risposto positivamente alla nostra richiesta. È stato infatti deciso di destinare alcuni fondi provenienti dalla rinegoziazione dei mutui Cassa depositi e prestiti della Provincia per l’acquisto di mascherine, venendo così – spiegano Coletta e Aramini – incontro agli istituti superiori. In proposito sarà calendarizzata una commissione congiunta Bilancio e Istruzione per inizio giugno. Siamo soddisfatti dell’immediata risposta positiva da parte dell’assise provinciale alla nostra richiesta, peraltro sostenuta e condivisa anche da altri consiglieri ed in particolare dal sindaco di Castelforte: in questo modo si potrà andare incontro a studenti e scuole in questo momento difficile”.