martedì 28 Giugno 2022

Protesta davanti al ministero del turismo di Cgil, Cisl e Uil alberghi

L’appuntamento è per domani, mercoledì 16 marzo, a partire dalle ore 10:00 presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico – via Molise 2, angolo via Veneto.

Davanti al palazzo che ospita il ministero si terrà una manifestazione che vedrà protagonisti i lavoratori e le lavoratrici del turismo/settore alberghi che da mesi vivono nell’incertezza occupazionale, perché coinvolti in procedure di licenziamento da parte delle aziende – Hotel Cicerone, Sheraton, Majestic, Ambasciatori Palace – per citarne alcuni.

“Nonostante gli sforzi della Regione Lazio nel suggerire l’applicazione di strumenti conservativi, e le dure posizioni assunte dagli assessori competenti, le parti datoriali continuano a percorrere la strada opposta, ossia quella dei licenziamenti collettivi.
Chiediamo la proroga del blocco dei licenziamenti e degli ammortizzatori sociali in deroga, politiche attive del lavoro, tavoli con le istituzioni utili per avviare confronti sull’utilizzo dei fondi del PNRR e tutti i percorsi utili che possano evitare l’esplosione di una bolla sociale con migliaia di licenziamenti indiscriminati”, dichiarano le Organizzazioni Sindacali.

“La mobilitazione #SalviAmoilTurismo va avanti da mesi e continuerà fino a quando non verranno garantiti i diritti e le tutele per tutte le lavoratrici e i lavoratori della filiera del Turismo” concludono Filcams CGIL Roma Lazio, Fisascat CISL Roma Capitale e Rieti, UILtucs Roma e Lazio.

CORRELATI

spot_img
spot_img