Paolo Torelli
Paolo Torelli

Sospendere immediatamente la richiesta di pagamento dei canoni enfiteutici. Questa la richiesta dei due consiglieri di Pontinia Paolo Torelli e Daniela Lauretti rivolta al sindaco del Comune di Priverno Anna Maria Bilancia e per conoscenza anche al sindaco di Pontinia Carlo Medici.

Richiesta che arriva in attesa di una risposta all’interrogazione presentata dai due esponenti del Girasole per Pontinia. Il canone enfiteutico è una tassa che il Comune di Priverno sta recapitando agli abitanti della frazione Campo Ioso, reclamando il pagamento di una sorta di concessione perché quei territori appartenevano a Priverno, prima di essere ceduti con decreto regio con la fondazione di Pontinia.

I due consiglieri del Girasole per Pontinia però rilanciano.

In questi giorni infatti Pontinia è stata tra le città più colpite dall’ondata di maltempo che sta flagellando la Provincia. Evento atmosferico che ha creato danni ancora tutti da quantificare su abitazioni e aziende agricole, tanto da indurre il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti a chiedere al governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale. 

Lo stesso Zingaretti ha ribadito come sarebbe importante sospendere anche il prelievo fiscale per le aziende colpite e danneggiate dal maltempo. Invece Priverno continua a recapitare avvisi di pagamento con 30 giorni di tempo per saldare.

Per questo Torelli e Lauretti chiedono: “L’immediata sospensione di qualsiasi pretesa o azione nei confronti dei cittadini di Pontinia già vessati dalle avversità atmosferiche e dai relativi danni arrecati alle loro abitazioni, aziende agricole ed attività economiche”.

“Nell’attesa che si definisca in maniera definitiva la pretesa, a nostro avviso infondata, del Comune di Priverno sui cittadini di Pontinia – dicono Torelli e Lauretti -, quantomeno si abbia la sensibilità di sospendere le richieste considerando che la quasi totalità dei destinatari sono agricoltori”.