giovedì 8 Dicembre 2022

Maenza, sulla carenza idrica incontro tra Acqualatina e il sindaco Sperduti: ecco le soluzioni

La carenza idrica sul territorio comunale, di questo si è parlato tra Acqualatina e l’amministrazione di Maenza durante una specifica riunione voluta dal gestore idrico per chiarire cosa sta causando il problema e come sarà risolto.

Le scarse piogge dei mesi invernali hanno determinato i bassi livelli di acqua nella sorgente di Fiumicello. Ciò sta generando disagi diffusi su vari Comuni dei Monti Lepini, tra cui Maenza. Nel comune guidato da Claudio Sperduti sono coinvolte alcune utenze domestiche e commerciali ubicate nella parte più alta del territorio, zona da sempre particolarmente esposta a riduzioni della pressione, in situazioni eccezionali come quella attuale.

In apertura di riunione, i tecnici del Gestore hanno illustrato il piano d’emergenza già in atto su Maenza e altri Comuni, volto a contrastare gli effetti immediati della carenza presso le sorgenti. Il piano prevede: un rafforzamento delle squadre tecniche, operative a tempo continuato, manovre notturne di razionalizzazione della risorsa idrica e un lavoro incessante di ricerca perdite che ha già permesso di individuare e sanare diverse falle, garantendo un maggior afflusso d’acqua in rete. Nel corso della riunione Acqualatina ha confermato il suo impegno ad arrivare a una soluzione strutturale, come previsto nel Piano Nuove Risorse, richiesto e approvato lo scorso anno dai Sindaci dell’Ato 4. È stato anche fatto presente il compimento di importanti lavori volti a sanare annose situazioni di criticità.

Tra questi, è stato evidenziata la messa in funzione di un nuovo tratto di condotta di circa 2 kilometri sull’adduttrice principale per Priverno, eseguito la scorsa settimana, che ha permesso di completare i lavori già avviati nel 2016 e di ridurre drasticamente le dispersioni di rete, aumentando la distribuzione a favore di tutti i Comuni serviti dalla centrale di Fiumicello.

Infine, l’incontro con il Sindaco Sperduti è stata anche un’occasione per individuare congiuntamente soluzioni che possano lenire quanto più possibile i disagi alle utenze maentine. Il Sindaco ha, così, proposto di avviare uno studio di fattibilità per la realizzazione di un serbatoio pubblico che permetta di irrobustire il rifornimento d’acqua a favore della parte più alta del paese.

CORRELATI

spot_img
spot_img