E’ giunta a termine l’edizione 2021 de ‘I luoghi del cuore’, l’iniziativa del Fai (Fondo per l’ambiente italiano) che permette la promozione ed il recupero di luoghi storici o significativi.

L’iniziativa prevedeva una votazione, da farsi on line oppure attraverso altre forme, con le raccolta di firme a cura delle varie succursali Fai sul territorio nazionale, che hanno generato una classifica finale.

Tanti i luoghi del cuore della provincia di Latina che hanno partecipato al contest.

Tra i tanti, al 37esimo posto nazionale, quarto della regione, il primo in provincia di Latina è risultato il Monastero delle Clarisse di Sezze, che ha raccolto 8031 voti. Al 46esimo posto nazionale, quinto nella regione, e secondo in provincia di Latina, con 6913 voti la Chiesa dell’Istituto Gregorio Antonelli di Terracina. Quindi, al 189esimo posto nazionale, decimo regionale e terzo provinciale, con 2354 preferenze, il Quartiere Nicolosi di Latina.

Al primo, secondo e terzo luogo classificato del censimento “I Luoghi del Cuore” 2020 – Ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza, Castello e Parco di Sammezzano e Castello di Brescia – saranno messi a disposizione da FAI e Intesa Sanpaolo, solo a fronte della presentazione di un progetto da concordare, contributi di 50.000, 40.000 e 30.000 euro, a cui si aggiungeranno 5.000 euro extra per i due siti che hanno superato 50.000 voti. Il premio di 20.000 euro in palio per i vincitori delle classifiche speciali Luoghi storici della salute e Italia sopra i 600 metri, verrà assegnato, rispettivamente, all’Ospedale e Chiesa di Ignazio Gardella e all’Eremo di Sant’Onofrio al Morrone; quest’ultimo lo riceverà al posto della Ferrovia Cuneo-Ventimiglia, poiché in nessun caso i premi sono cumulabili. Stesso discorso per il premio messo in palio per il luogo che ha ricevuto più voti via web, per il quale il FAI curerà la realizzazione di un video storytelling: il destinatario sarà il Ponte Acquedotto di Gravina, che lo riscuoterà al posto del Castello di Sammezzano.

In più, i referenti dei luoghi che hanno ottenuto almeno 2.000 voti, potranno candidare al FAI, attraverso il bando che verrà lanciato a marzo 2021, una richiesta di recupero o valorizzazione, legata a progetti concreti, attuabili in tempi certi e dotati di un cofinanziamento che assicuri un sostegno reale. Come nelle scorse edizioni, FAI e Intesa Sanpaolo selezioneranno entro novembre i luoghi vincitori.

Il FAI si farà inoltre portavoce di tutte le segnalazioni ricevute e, anche attraverso l’azione capillare delle sue Delegazioni presenti su territorio nazionale, solleciterà le istituzioni preposte affinché diano attenzione ai luoghi, sensibilizzando in particolare i Sindaci di tutti i 6.504 Comuni coinvolti e tutte le Regioni.