Olocausto
Il cortometraggio “Chika, die hündin im ghetto”

Raccontare gli orrori della Shoah attraverso gli occhi e le voci dei bambini. E’ il punto di vista scelto dall’associazione culturale “Il Sogno di Ulisse” per celebrare la Giornata della Memoria.

Domenica 27 gennaio, alle 19, presso la sala polifunzionale della Chiesa di Sant’Albina a Scauri di Minturno, verrà proiettato “Chika, die hündin im ghetto” (Chika, il cane nel ghetto) di Sandra Schießl. Al cortometraggio d’animazione, vincitore del premio del pubblico alla sesta edizione di Visioni Corte International Short Film Festival, seguirà il lungometraggio “Un sacchetto di biglie” di Christian Duguay.

“Chika, die hündin im ghetto” è la storia di Mikasch, un bambino di 5 anni che vive nel ghetto ebraico di una città polacca insieme ai suoi genitori e al cane Chika. Purtroppo, durante la Seconda Guerra Mondiale agli ebrei era proibito avere animali domestici e un ufficiale tedesco obbliga Mikasch a disfarsi di Chika. Ma il bambino si dispera e si oppone con tutte le sue forze, finché a suo padre viene un’idea.

Tratto dal romanzo autobiografico di Joseph Joffo, il film “Un sacchetto di biglie” ripercorre, invece, il sorprendente viaggio di due giovani fratelli di origini ebrea attraverso la Francia degli anni quaranta, occupata dai nazisti. Joseph (Dorian Le Clech) e Maurice (Batyste Fleurial) vivono la loro infanzia serenamente: d’estate giocano tra le onde, d’inverno si sfidano a battaglie di palle di neve. Fino a quando tutto cambia. A scuola sono costretti a indossare segni distintivi sulla giacca della divisa, vengono esclusi e additati dai compagni, emarginati dagli amici che ora li guardano in modo diverso. La situazione si complica a tal punto che una sera, il padre (Patrick Bruel) gli annuncia che dovranno partire in cerca di un luogo più sicuro. I bambini sfuggono ai nazisti, con la speranza di raggiungere la cosiddetta “terra libera”.

L’evento gode del patrocinio della Regione Lazio, dell’Arcidiocesi di Gaeta e della Federazione Italiana dei Cineclub. L’ingresso è libero.