Lo spettro dei Rom sgomberati da Roma si allunga anche sulle province del Lazio.

Il bando del Comune di Roma, pubblicato il 23 dicembre 2020, punta, infatti, alla ricerca di alloggi anche nelle province di Latina e Frosinone per sistemarvi le famiglie rom che saranno sgomberate dai campi della Capitale.

“Una cosa assurda, un disperato tentativo dell’amministrazione Raggi di scaricare sulle altre province del Lazio la propria incapacità di gestire l’emergenza rom. L’amministrazione Raggi – spiega il vice portavoce regionale di Fratelli d’Italia, Enrico Tiero – è a caccia in fretta e furia di organismi operanti nel sociale che mettano a disposizioni alloggi garantendo allo stesso tempo, per un periodo di 24 mesi, un servizio di accoglienza diffusa”.

E per reperire posti cerca anche nelle province del Lazio, tra cui quelle di Latina e Frosinone, inserite in un medesimo lotto assieme ad altri municipi della Capitale.

“Il tentativo della grillina Raggi è quello di usare anche le province del Lazio per portare a termine prima della scadenza del mandato elettorale, quel piano rom varato nel 2017 e che prevedeva lo sgombero e la chiusura di tutti i campi presenti sul territorio di Roma. Ma siccome quel piano, negli anni, è miseramente rimasto sulla carta, adesso Raggi prova a spostare il problema sulle province. Preoccupa in questo contesto l’assordante – conclude Tiero – silenzio del sindaco di Latina Coletta. E’ una battaglia che come Fratelli d’Italia porteremo avanti per difendere la nostra città e le intere province di Latina e Frosinone. Allo stesso modo chiediamo al sindaco Raggi di prendersi le proprie responsabilità e risolvere, se ne è capace, i problemi da sola”.