martedì 27 Settembre 2022

L’ex sindaca Tintari torna in libertà, Procaccini: “Con lei, tutta Terracina è oltraggiata”

L’ex sindaca di Terracina Roberta Tintari, arrestata nell’operazione Free Beach che ha svelato i presunti rapporti malsani tra l’amministrazione e imprenditori locali nella gestione e l’affidamento dei beni demaniali, torna in libertà dopo la sentenza del Tribunale del Riesame che ha disposto l’obbligo di firma due volte a settimana per l’ex prima cittadina. A dire la sua sul ritorno in libertà della Tintari, finora ai domiciliari, è l’ex sindaco di Terracina tra i volti più noti di Fratelli d’Italia in provincia di Latina, Nicola Procaccini, anche lui coinvolto dalle indagini.
“Gioia e amarezza dopo la sentenza del Tribunale del Riesame che ieri ha liberato l’ormai ex sindaco Roberta Tintari e tutti coloro che sono stati arrestati venti giorni fa a Terracina. Naturalmente ho gioito per l’amica onesta e pulita, per la collega attenta e disponibile in tanti anni di buona amministrazione insieme. Ma ho provato anche tanta amarezza perché, secondo i giudici del Riesame, il sindaco di Terracina non doveva essere arrestato e come lei tutti gli altri”
Lo afferma l’europarlamentare di Fratelli d’Italia-ECR, Nicola Procaccini, commentando gli sviluppi della vicenda giudiziaria che ha coinvolto il Comune di Terracina.
“Purtroppo – continua Procaccini – Roberta non solo è stata arrestata, ma anche insultata, vilipesa, messa alla pubblica gogna da giornali nazionali e locali, blog e social network. Insieme a Roberta, l’intera città di Terracina è stata gravemente oltraggiata, nel pieno della stagione turistica. Al posto del sindaco, indotto a dimettersi per tutelare la propria famiglia, c’è adesso un commissario prefettizio che certamente svolgerà un ottimo lavoro al servizio della collettività, ma che la collettività non conosce e non ha mai votato. Continuo ad avere il massimo rispetto per la magistratura, anche per quella inquirente che ha il diritto e il dovere di indagare senza fare sconti nei confronti di chiunque. Ma credo anche che talvolta non vi sia la giusta considerazione da parte di alcuni magistrati nei confronti di chi si impegna in politica, sacrificando tempo, serenità, energie e affetti. La mia paura è che con questo andazzo soltanto i delinquenti saranno disponibili a candidarsi, non avendo nulla da perdere. Questo è un problema che ci riguarda tutti, indipendentemente dai ruoli sociali e dai colori politici. In questa campagna elettorale la vicenda giudiziaria di Terracina è stata usata come una clava dalle sinistre per colpire Fratelli d’Italia. Non me ne stupisco e non mi scandalizzo più di tanto. Mi dispiace molto invece che non si tragga il giusto insegnamento civile dalla drammatica vicenda terracinese!”.

CORRELATI

spot_img
spot_img