sabato 13 Luglio 2024
spot_img

Lazio: l’Arsial pubblica un bando di due milioni di euro per la promozione agroalimentare

L’Agenzia regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’agricoltura del Lazio (Arsial), su indicazione dell’assessore all’Agricoltura e al Bilancio della Regione Lazio, Giancarlo Righini, ha lanciato un bando da due milioni di euro. Questo finanziamento è destinato a sostenere progetti di promozione agroalimentare, con particolare attenzione ai prodotti agricoli e al patrimonio enogastronomico laziale.

Due Avvisi Separati per Finanziare Progetti Locali e Privati

Il bando è strutturato in due avvisi distinti, ciascuno con un budget di un milione di euro. Il primo avviso è rivolto ai Municipi di Roma Capitale, ai Comuni e alle Pro Loco del Lazio. Il secondo è destinato a soggetti privati senza scopo di lucro, con sede nel Lazio.

Dettagli sui Finanziamenti per i Municipi e i Comuni

I Municipi del Comune di Roma possono richiedere un finanziamento massimo di 20.000 euro. Per i Comuni del Lazio, l’agevolazione varia in base alla popolazione residente:

  • Massimo 10.000 euro per i Comuni con popolazione fino a 14.999 abitanti.
  • Massimo 20.000 euro per i Comuni con oltre 15.000 abitanti.

Finanziamenti per le Pro Loco e i Soggetti Privati

Le Pro Loco possono presentare domanda in base alla classe demografica del Comune di appartenenza. I soggetti privati possono richiedere finanziamenti fino a un massimo di 15.000 euro. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 1 luglio 2024, mentre le iniziative dovranno essere realizzate tra il 15 giugno e il 30 settembre 2024.

L’Obiettivo del Bando: Promuovere le Eccellenze del Lazio

«La valorizzazione dei prodotti tipici della nostra Regione – spiega l’assessore Righini – passa anche attraverso queste iniziative che hanno la capacità di coinvolgere tanti cittadini che hanno la possibilità di conoscere e degustare le eccellenze del Lazio. Promozione, formazione e innovazione sono i tre pilastri sui quali come Regione Lazio intendiamo investire per rendere il nostro sistema agroalimentare sempre più competitivo e al passo con i tempi», ha concluso Righini.

CORRELATI

spot_img
spot_img
spot_img
spot_img