Quelli che dovrebbero essere il simbolo della mobilità alternativa sono diventati delle vere e proprie trappole per i cittadini.

Dai treni agli autobus, tra sporcizia, ritardi e degrado la vita dei pendolari è ridotta ad una odissea continua.

Se a questo si aggiunge lo stato vergognoso in cui versano le strade urbane ed extra urbane il pasticciaccio è servito.

Oggi, ma si tratta solo dell’ultimo caso in ordine di tempo, su un bus Cotral che effettua la tratta Nettuno – Roma Laurentina, via Pomezia, un uomo di è ferito alla testa.

L’autobus è finito in una sorta di voragine e per il contraccolpo il povero utente ha sbattuto la testa sulla barra di ferro.

Immediatamente le altre persone presenti si sono attivate per prestargli soccorso considerato anche che continuava a perdere sangue dalla ferita.

Sui social l’immagine sta suscitando sdegno e preoccupazione.