Quando si pensa a Sabaudia la mente va subito alle spiagge dorate, al mare cristallino e alla foresta del parco, ma i runners dell’Atletica Sabaudia, associazione affiliata ad Opes, vanno sempre oltre, ed in occasione della gara trail svoltasi a Nemi nei giorni scorsi, hanno smontato questa immagine tutta “marinaia” e con la loro massiccia presenza si sono fatti apprezzare anche in occasione di questa impegnativa corsa in montagna.

Più di quaranta atleti targati Atletica Sabaudia hanno preso parte ad una delle più belle gare di trail running della regione. Tra loro anche molti debuttanti in questa disciplina che prevede allenamenti specifici e molto faticosi, in quanto si sviluppa prevalentemente, su sentieri di montagna o di alto impatto ambientale.

I “Blues”, cosi denominati per via del colore delle loro casacche che ricordano il blu del mare e del cielo della bella Sabaudia, sfruttano il Monte Circeo quando devo preparasi per questo tipo di competizioni, oltre che il vicino parco del Circeo.

“Uno degli aspetti più belli del Trail – ha spiegato Antonello Cipullo, presidente del sodalizio running sabaudiano –  è che quando si corre una gara, la competizione tra gli atleti assume un posto secondario. Avanti a tutto c’è la sfida personale con i limiti del proprio fisico e della propria mente. La competizione si trasforma in condivisione di ciò che si ama fare (correre) a stretto contatto con ciò che si ama vivere (natura): correre nella natura!

L’associazione Atletica Sabaudia è molto attiva sul territorio infatti oltre alla pratica del running promuove la pratica dell’atletica leggera attraverso la propria Scuola di atletica per i giovani che vogliano avvicinarsi alla regina degli sport, allo stesso tempo rappresenta anche un importante aggregatore sociale dove attraverso la pratica dello sport si rafforzano  importanti valori come l’amicizia, la lealtà e lo spirito di gruppo”.