mercoledì 5 Ottobre 2022

Latina, trasporto pubblico nel caos. Valletta, Lega: “Rinaldi getta fumo negli occhi dei cittadini”

Trasporto pubblico locale nel caos tra disagi e inadempienze. Una commissione, quella ai trasporti, di fuoco.

Richieste di fare chiarezza, avanzate dal consigliere comunale della Lega, Vincenzo Valletta, completamente disattese dal presidente Rinaldi.

“Rinaldi fa finta di niente come se quanto da me sollevato in commissione non sia utile per affrontare quelle criticità oggettive sul Tpl che generano ricadute sul servizio”.

Valletta punta il dito anche sull’indifferenza dell’amministrazione Coletta rispetto allo sciopero previsto per domani.

“Un atteggiamento inaccettabile rispetto ad una manifestazione legata al mancato rispetto degli accordi con la società Csc Mobilità, dalla contrattazione di secondo livello su cui l’assessore Castaldo ha chiesto l’immediato rispetto al gestore del servizio, all’organizzazione del lavoro, dalla gestione del personale ad interventi di messa in sicurezza del deposito bus, non a norma, tant’è che i mezzi sono parcheggiati in un terreno di campagna senza i servizi per i lavoratori”.

Diverse le linee con sovraffollamento in orari di punta e scolastici, vedi l’Istituto Agrario o il servizio serale in special modo nei fine settimana, che mettono a rischio l’incolumità dell’utenza e il corretto svolgimento dell’attività lavorativa da parte degli operatori.

“Serve un cambio di passo – continua Valletta – con un potenziamento ad hoc per la stazione che è inadeguata, sempre sovraffollata e con corse che saltano lasciando a piedi lavoratori e studenti. Sul punto anche l’assessore Castaldo ha chiesto alla Csc che venga al più presto attivato il servizio con navette dedicate con frequenza continua”.

“Per risolvere i disagi basterebbe – continua Valletta – rispettare il capitolato con i 270mila chilometri in più che Csc deve aggiungere rispetto a quanto ereditato dal precedente gestore, creando nuove corse ed aumentando i mezzi in circolazione ed il personale. Purtroppo ad oggi, malgrado richiesto in più commissioni trasporti, non è dato sapere quanti sono i chilometri in più aggiunti!”.

A questo si aggiunge il fatto che il capolinea delle autolinee della seconda città del Lazio non ha locali utili ad ospitare il pubblico e gli autisti.

“Ho proposto – conclude Valletta – di valutare la ristrutturazione degli spazi al pian terreno dello stabile che ospita gli uffici comunali oggi abbandonati al degrado. Non solo, non esiste una biglietteria sul posto e su questo aspetto l’amministrazione deve intervenire al più presto per fornire un servizio alla cittadinanza puntuale ed accurato. Grazie al mio interessamento, un’abitante di Borgo Grappa che da un anno cercava risposte con continui solleciti, si è deciso l’anticipazione della corsa mattutina affinché gli studenti arrivino in orario a scuola. Piccoli segnali ma vitali per un cambio di passo”.

CORRELATI

spot_img
spot_img