Antoci Di Trento gruppo misto
In piedi, Salvatore Antoci, dietro Massimo Di Trento, ora al gruppo misto

Le strade a Latina sono un colabrodo.

Tra buche e voragini circolare in città è un perenne salto ad ostacoli.

Alcuni interventi sono stati effettuati.

Altri, come annunciato la scorsa settimana dalla maggioranza che guida il Comune, si stanno programmando.

Il problema sono le risorse.

Per riasfaltare tutte le strade servirebbero circa, sono parole del sindaco Coletta, 50milioni di euro.

Il Comune è riuscito a raggranellare in tutto 5 milioni di euro.

Il che significa che bisogna fare delle scelte e che molti chilometri di strade resteranno come sono oggi, ed anzi, tra piogge ed usura, rischiano solo peggiorare lo stato in cui versano.

Sui social i cittadini sono in rivolta e, legittimamente, vorrebbero comprendere quali siano le strade “fortunate” e quelle no.

Ma sulla vicenda con un post non soggetto ad interpretazioni è intervenuto anche il consigliere comunale Salvatore Antoci, ieri in maggioranza con Latina bene comune, ed oggi nel Gruppo misto.

“Il problema è comunque nazionale…” quindi, verrebbe da pensare che il detto “mal comune mezzo gaudio” sia un sempreverde utile a mascherare la propria inadeguatezza.
Osservare su Fb una consigliera di maggioranza gioire, o quantomeno – spiega Antoci – sentirsi appagata, perché con l’asfalto si sta facendo male come, nel 2013, facevano quelli di prima (che, lo ricordo per chi avesse memoria corta, erano i “malamministratori” contro cui è scesa in campo Lbc) mi sembra la certificazione della fine di un sogno, la dichiarazione del fallimento, la resa incondizionata!”.

Quello che Antoci rimanda al mittente è l’approssimazione e la continua ricerca di scuse dietro cui trincerarsi da parte dell’amministrazione a guida Coletta.

“Il tutto – conclude il consigliere comunale del Gruppo Misto – senza peraltro aver capito qual è il problema delle nostre strade né tantomeno quale potrebbe essere la soluzione”.

Oggi le colpe su chi cera prima in effetti reggono poco e male.

Ci sarà anche stata, causa “quelli che c’erano prima” un’eredità segnata da inadempienze ed errori.

Ma il nodo è capire cosa in tre anni di governo di Latina Lbc è riuscita a mettere in campo non per sopravvivere ma per dare un vero segnale di cambiamento.