giovedì 6 Ottobre 2022

Latina, protocollo d’intesa tra Comune e Ater per riqualificare “le vele”

Riqualificare i palazzi a cavallo della Pontina, a Latina, noti come “le vele”. E’ questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato dal Comune e dall’Ater.

Insieme parteciperanno, rispettivamente come soggetto promotore e soggetto attuatore, al bando “Qualità dell’Abitare” del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti attraverso il progetto di rigenerazione urbana “A gonfie vele”. L’azione congiunta è stata sottoscritta dal sindaco, Damiano Coletta e del direttore generale dell’Ater, Paolo Ciampi.

L’accordo consentirà a Comune e Ater di concorrere congiuntamente al bando del Mit, che ha messo a disposizione fondi per riqualificare e incrementare il patrimonio residenziale sociale, rigenerare il tessuto socio-economico, incrementare l’accessibilità, la sicurezza dei luoghi e la rifunzionalizzazione di spazi e immobili pubblici, migliorare la coesione sociale e la qualità della vita dei cittadini.

L’idea progettuale è stata presentata dall’ingegner Carlo Patrizio, Docente di Rigenerazione urbana e territoriale alla Sapienza Università di Roma e incaricato dell’elaborazione del progetto.

“L’obiettivo – ha dichiarato il primo cittadino – è rigenerare una zona nevralgica della città. Siamo proiettati in questo progetto con grande impegno per renderlo il più competitivo possibile e insieme all’Ater abbiamo intenzione di fare la nostra parte per garantire ai cittadini un diritto essenziale, il diritto alla casa, e per mettere a disposizione della collettività la fruizione di spazi pubblici. Siamo dunque nella direzione del bene comune il cui valore è assolutamente inestimabile”.

“C’è grande soddisfazione – ha commentato Fioravante – perché siamo al lavoro per aumentare l’offerta abitativa e allo stesso tempo per rigenerare zone che interessano centinaia di famiglie. Speriamo che questo sia soltanto l’inizio di un percorso che vedrà Ater e Comune impegnati nel ridisegnare insieme parti della nostra città pensando sempre, come ha detto il Sindaco, al bene comune».

Il progetto “prevede una serie di interventi – ha detto Patrizio – materiali e immateriali, considerando anche il valore sociale delle operazioni che verranno compiute”. Una di queste è la demolizione dello scheletro dell’ex Icos e la ricostruzione di un volume che potrebbe essere destinato all’housing sociale a canone calmierato.

“Ci saranno un ponte ciclopedonale sulla Pontina e collegamenti con le piste ciclabili. Le cosiddette ‘vele’ saranno interessate da interventi di riqualificazione energetica e verranno allestiti orti sociali e spazi di verde attrezzato. Il progetto è ambizioso perché ha come obiettivo rigenerare una comunità di abitanti particolarmente numerosa. Stiamo inoltre somministrando ai cittadini del quartiere un questionario dal quale riteniamo possano arrivare condivisioni di idee interessanti”.

CORRELATI

spot_img
spot_img